Napoli-Juventus, Allegri: “I sudamericani restano a casa. Partita stimolante, dobbiamo dare qualcosa in più nelle difficoltà”

L’allenatore della Juventus Massimiliano Allegri ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della trasferta contro il Napoli. Il tecnico bianconero sorprende lasciando a casa tutti i sudamericani ed ha caricato la squadra.

Domani alle ore 18:00 primo big match della stagione al Diego Armando Maradona dove il Napoli ospiterà la Juventus.

Gli azzurri sono partiti molto bene con 2 vittorie nelle prime due partite e domani hanno l’occasione di spedire a -8 i bianconeri dopo appena 3 turni. La Juventus non ha iniziato al meglio questa stagione con un pareggio ed una sconfitta nelle prime due uscite ed è chiamata a riscattarsi.

Domani mancheranno molti giocatori ai bianconeri, ma in conferenza stampa Massimiliano Allegri non ha cercato alibi. Il tecnico bianconero ha deciso anche di lasciare a casa i giocatori sudamericani che torneranno a disposizione tra oggi e domani: “Sarà sicuramente una bella partita perché affrontiamo una squadra forte tecnicamente e in un buon momento di forma. Domani non sarà difficile fare la formazione perché ne ho pochi, ho scelto di lasciare a casa i sudamericani. Cuadrado era l’unico che poteva esserci ma ha auto un attacco di gastroenterite ed è in Colombia a fare accertamenti. Verranno con noi De Winter, Soulè e Miretti e magari troveranno spazio. Questo non è un alibi cercheremo di fare risultato”.

Contro il Napoli sarà assente anche Federico Chiesa  che ha accusato un risentimento muscolare in nazionale, seppur non grave, con Allegri che preferisce tenerlo fuori da una gara intensa come quella di domani. Con le assenze di Danilo, Alex Sandro e Cuadrado, sulle corsie laterali toccherà a De Sciglio e Pellegrini, con il tecnico livornese che ha affermato come entrambi siano pronti per scendere in campo. Titolare sarà anche Weston McKennie, anche se Allegri ancora non ha deciso in quale ruolo farlo giocare.

Per Allegri non c’è alcuna emergenza in vista della sfida contro i partenopei. L’allenatore bianconero sa che il campionato non è iniziato nel migliore dei modi, ma ha affermato che è nei momenti difficili che la sua squadra deve dare di più in campo: “La parola emergenza non c’è, domani abbiamo la formazione ideale per giocare contro il Napoli. È una partita stimolante e penso che nelle difficoltà noi dobbiamo tirare fuori qualcosa in più. Le prestazioni restano sempre le stesse, poi per me il risultato conta sempre ma vabbè, qualcuno metteva anche in discussione questo. La gestione dell’imprevisto bisogna allenarla e migliorarla, ci sono troppe situazioni che non sono decifrabili prima della partita ma domani bisogna giocare con tranquillità e forza mentale”.

Allegri ha dichiarato come non bisogna farsi prendere dal panico per quanto riguarda la classifica che sicuramente non è bella, ma che migliorerà sicuramente. Il tecnico bianconero ha affermato come l’obiettivo della Juventus sia essere ancora in corsa in tutte le competizioni a Marzo, oltre a crescere come squadra. E questo, per l’allenatore livornese, va fatto in maniera indipendente dai risultati che si ottengono.

A causa degli impegni delle nazionali, Allegri dovrà rinunciare per forza di cose ai giocatori sudamericani che, come detto, torneranno tra oggi e domani. Ma il tecnico bianconero non ha voluto fare polemica, dichiarando come il calendario vada accettato per com’è fatto ed è convinto che la sua squadra giocherà una gran partita: “Questo è il calendario e dobbiamo accettarlo, abbiamo 13-14 giocatori più tre ragazzi. I giocatori che hanno giocato stanotte arrivano sabato mattina in Italia, portarli a Napoli col rischio che si facciano male non penso abbia senso. Restano a casa e riposano, martedì abbiamo una partita importante perché la prima partita di Champions e la più importante del girone. Domani noi faremo una grande partita, non so il risultato ma sicuramente una grande partita. Io accetto sempre i calendari, ci sono gli organi competenti che devono decidere cosa fare con le partite. Se tutti esprimiamo il nostro giudizio viene fuori un casino, bisogna accettare quello che ci dicono”.

Allegri vuole un riscatto dopo due prove senza risultato ed ha rispettato i fischi dei tifosi piovuti allo Stadium dopo la sconfitta contro l’Empoli, affermando come è naturale che nel calcio sia così quando non si ottengono vittorie. Il tecnico è tornato a parlare anche di Cristiano Ronaldo, affermando come ormai lui sia il passato: “Cristiano non voleva più giocare alla Juventus, è andato via e comunque sarebbe stato il suo ultimo anno. Abbiamo anticipato questa scelta di un anno. A Cristiano auguriamo il meglio, però la vita va avanti. Non mi interessa parlare di quello che è stato. La Juve ha sempre vinto di gruppo e ce l’ha nel DNA. Per arrivare a essere competitivi e cercare di vincere dobbiamo avere grandi ambizioni, grande amor proprio e soprattutto passione in quello che facciamo”.

Vincere domani a Napoli non sarà affatto facile, considerato che anche in condizioni normali in casa degli azzurri per la Juventus non è mai facile. Anche Allegri ha riconosciuto il Napoli come una delle candidate al titolo, ma ha anche dichiarato come il campionato sia lungo e che ci voglia equilibrio, senza esaltarsi troppo dopo le vittorie e senza deprimersi quando le cose vanno male.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Danilo Servadei

Informazioni sull'autore
Laureando in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Giornalista pubblicista con la passione per il calcio estero e l'amore per quello giapponese e asiatico
Tutti i post di Danilo Servadei