Napoli: De Laurentiis contro Callejon, Insigne e Mertens. E su Koulibaly e Fabian Ruiz…

Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis ha approfittato della presentazione della convenzione dello Stadio San Paolo per rilasciare importanti e forti dichiarazioni.

Nella giornata di ieri a Napoli presso il Palazzo San Giacomo (il Municipio) si è tenuta la presentazione per la convenzione dello Stadio San Paolo. A tale evento era presente, naturalmente, il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis che come al solito ha rilasciato delle dichiarazioni che faranno molto discutere. Il presidente azzurro non è nuovo a queste uscite ed anche stavolta si è contraddistinto per la sua dialettica.

De Laurentiis ha tirato le orecchie a Lorenzo Insigne, affermando come il problema non può essere risolto da lui con un rinnovo del contratto. Il patron del Napoli ha dichiarato come il capitano azzurro debba decidere cosa vuole fare “da grande”, aggiungendo che non sta bene a livello emotivo: “Ha sempre avuto un atteggiamento di scomodità a Napoli. Io lo capisco e lo proteggo. Lui mi piace, mi sta molto simpatico, però ha sempre sentito scomoda la situazione napoletana. Deve stare tranquillo e diventare una persona più serena”.

Dopo aver parlato di Insigne, De Laurentiis si è poi soffermato sui rinnovi di Callejon Mertens che sembrano sempre più lontani da Napoli. Il presidente azzurro ha di fatto confermato come i due giocatori potrebbero lasciare la città campana al termine della stagione. Usando delle dichiarazioni abbastanza forti, De Laurentiis ha fatto capire che i due giocatori sono tentati dalle offerte dalla Cina e non ha usato giri di parole per descrivere l’esperienza asiatica: “Se poi qualcuno vuole andare a fare le marchette in Cina perché strapagato, per vivere due o tre anni di m…. è un suo problema“.

Parole molto forti quelle di De Laurentiis che senza mezzi termini ha affermato come Callejon e Mertens sono liberi di andare via a fine anno. Il presidente romano ha poi parlato anche di Koulibaly Fabian Ruiz, affermando come in futuro potranno essere ceduti. Per De Laurentiis non bisogna mai affezionarsi ai giocatori perché prima o poi i giocatori vanno ceduti ed ha preso in esempio proprio il senegalese: “Non bisogna mai affezionarsi. Ad esempio sono rimasto affezionato a Koulibaly, ho rifiutato 105 milioni, ma arriverà un momento in cui bisognerà venderlo per forza“.

Sulla cessione di Fabian Ruiz, invece, De Laurentiis ha fatto intendere che in caso di offerta irrinunciabile anche lui potrebbe partire, dichiarando come si possano trovare altri giocatori molto promettenti come lui. Il patron azzurro ha poi smentito di avere problemi con Ancelotti, affermando come tra loro due ci sia un rapporto di amicizia e stima reciproca, ribadendo che spera di averlo a Napoli molto a lungo.

 

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SISAL

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Danilo Servadei

Informazioni sull'autore
Laureando in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Aspirante giornalista con la passione per il calcio estero e l'amore per quello giapponese
Tutti i post di Danilo Servadei