Napoli, De Laurentiis: “Cavani? Abbiamo già top player. Lo scorso campionato è stato falsato”

Solito scoppiettante Aurelio De Laurentiis, che ieri sera nell’incontro con i tifosi tocca tantissimi aspetti del Napoli di ieri, e di oggi.

De Laurentis napoli

Aurelio De Laurentiis è sempre un vulcano, pronto ad eruttare da un momento all’altro. Così ieri, nella familiare e consueta intervista a tu per tu con i tifosi del Napoli ha parlato non solo del più o del meno, ma ha toccato argomenti veramente scottanti.

Innanzitutto la voglia dei tifosi di riavere Cavani:Voi dovete sapere che abbiamo una rosa con calciatori che tanti club europei ci ammirano e ci richiedono. Così come Koulibaly, per il quale Conte mi offrì 58 milioni di euro“, così la strada che porta al centravanti uruguaiano si fa più impervia: “Capisco il desiderio dei napoletani di rivederlo in azzurro, ma ha un ingaggio troppo alto per i nostri standard. Poi se lui avesse intenzione di parlare con me, ha il mio numero, mi chiama, mi parla, si riduce lo stipendio, mi mette in condizione di parlare con il PSG, che potrebbe anche non venderlo. Per il Dio denaro non si guarda in faccia a nessuno“.

Una pratica che, in realtà, è vietata dal regolamento, visto che prima bisognerebbe parlare con il club e poi con il calciatore. Ma quando il presidente del Napoli parla, ha sempre pochi peli sulla lingua. “Il campionato di quest’anno è stato falsato, scippato, però noi l’abbiamo vinto. Apparteniamo a quella che Totò chiamava la banda degli onesti. Poi abbiamo fatto errori di valutazione durante l’anno, in particolare speculativa, nell’utilizzo della rosa, ma qui entriamo in un discorso troppo tecnico“.