Napoli-Cagliari, 2-1, voti e pagelle: Mertens non molla, Insigne consegna il secondo posto

Vittoria tra le polemiche per gli azzurri che conquistano matematicamente il secondo posto. Dopo un primo tempo anonimo, il belga pareggia il gol di Pavoletti, nel recupero decide un rigore assegnato dalla tecnologia che manda su tutte le furie i sardi.

Voti e pagelle

NAPOLI

Meret 6 – Deve compiere soltanto una parata, peraltro non complicata: nella ripresa su Padoin. Non può reagire al destro mortale di Pavoletti.

Hysaj 6 – Come spesso gli accade, il piede non è registratissimo. In fase difensiva rischia comunque poco.

Albiol 6 – Torna a giocare dall’inizio dopo tempo immemorabile e viene favorito dalla scarsa pericolosità offensiva del Cagliari. Lascia però scoperta la propria zona in occasione del vantaggio sardo.

Koulibaly 6,5 – Preciso e a volte addirittura devastante nelle chiusure e nei recuperi in velocità. Uno dei migliori del Napoli. Una sicurezza.

Ghoulam 6,5 – Si proietta in maniera piuttosto costante in avanti. Pericoloso con i suoi calci d’angolo a rientrare, letale nel cross che manda in gol Mertens, protagonista anche nell’azione del 2-1.

Verdi 5 – Non sfrutta la chance da titolare concessagli da Ancelotti, andando spesso a imbucarsi centralmente e peccando nella mancanza di idee. Esce anzitempo e tra qualche sbuffo (dal 60′ Callejon 5,5 – Non fa molto meglio di Verdi, giocando una mezz’ora tutt’altro che indimenticabile)

Allan 5,5 – Ha poco lavoro difensivo e così si dedica maggiormente a quello di costruzione. Ma anche lui trova pochissimi spazi (dal 61′ Fabian Ruiz 6 – Si assume la responsabilità di giocare in verticale, vivacizzando la manovra)

Zielinski 6 – Insidioso negli inserimenti, si produce in più di un assist che i compagni però non sfruttano. Mezzo voto in meno per il disimpegno sbagliato che origina l’azione del vantaggio sardo.

Younes 6 – Vivace, largo a sinistra prova a spezzare la lancinante monotonia ma senza troppo successo. Ha la più grande chance del primo tempo, ma non la sfrutta (dal 65′ Milik 6 – Il suo ingresso in campo porta maggior peso e pericolosità all’attacco azzurro. Ottimi gli scambi con Mertens, meno i tentativi verso la porta di Cragno)

Insigne 6 – Salvato dal pesantissimo rigore che, a recupero inoltrato, decide risultato e partita. Fin lì aveva sbagliato tanto e creato pochissimo.

Mertens 7 – Ci prova e ci riprova, anche a costo di sbagliare. Prezioso nell’assist, pericoloso alla conclusione. Trova un grande Cragno, poi realizza una rete meritatissima.

All. Ancelotti 6 – Salvato dagli episodi, premiato dal coraggio di cambiare in corsa. Tra luci e ombre, il secondo posto è blindato.

CAGLIARI

Cragno 7 – Strepitoso l’intervento che, con l’aiuto del palo, nega l’1-1 a Mertens. Bravo in altri interventi, incolpevole nel ko.

Cacciatore 5 – La posizione del suo braccio al momento del contatto col pallone farà discutere, ma resta un’ingenuità. Peccato, perché fin lì l’ex clivense aveva sofferto, ma senza mai andare nel panico.

Ceppitelli 6 – Ha qualche problema con gli inserimenti centrali, ma in qualche modo se la cava. Può far poco contro gli assalti finali del Napoli.

Romagna 6 – Si comporta ottimamente per quasi tutto il match, offrendo buone chiusure. Rovina parzialmente la propria prestazione saltando a vuoto nell’azione dell’1-1.

Lykogiannis 6 – Non attacca praticamente mai, limitandosi a controllare prima lo spento Verdi e poi Callejon.

Deiola 6,5 – Spreca un contropiede golosissimo prima dello 0-1, ma tatticamente è utilissimo ed è lui a recuperare il pallone che porta al vantaggio (dal 70′ Padoin 6 – Fa il suo, andando pure vicino al raddoppio)

Cigarini 6 – Bada più al contenimento che alla costruzione del gioco, chiudendo bene gli spazi. Rischia qualcosa con una manata in area su Mertens.

Ionita 5,5 – Zero grilli per la testa, tanti raddoppi sui portatori di palla avversari. Nel finale perde però la testa, lasciando il Cagliari in 10 uomini.

Barella 6,5 – Gioca un primo tempo anonimo, senza trovare mai la posizione, poi si scioglie nella ripresa: suo lo splendido assist di tacco che manda a segno Pavoletti.

Cerri 5,5 – Bravo nella gestione dei palloni, ma sono giocate che portano a poco. Non ha occasioni per far male e a un quarto d’ora dalla fine esce (dal 74′ João Pedro s.v.)

Pavoletti 6,5 – Quasi invisibile per tutta la gara, sfrutta però l’unica palla decente che gli capita a disposizione (dall’88′ Pisacane s.v.)

All. Maran 6,5 – Schiera un Cagliari difensivista ma organizzatissimo, rischiando di portare a casa la vittoria. La salvezza è solo rinviata.