Motomondiale GP Thailandia 2019 – Anteprima ed Orari Diretta TV

Quintultimo appuntamento stagionale per il Motomondiale, che giunge alla tappa #15 di questo 2019. Il circuito di Buriram, entrato lo scorso anno nel calendario iridato, vedrà la disputa della seconda edizione del Gran Premio di Thailandia, tenuto a battesimo nel 2018 da Marc Marquez. E proprio il centauro del team HRC può essere grande protagonista anche quest’anno, dato che, semplicemente arrivando davanti ad Andrea Dovizioso, si assicurerebbe il quarto titolo consecutivo, l’ottavo in carriera. In Moto2, il fratello minore Alex deve gestire il +38 e il +42 sui connazionali Jorge Navarro ed Augusto Fernandez. In Moto3, invece, la lotta è molto più accesa, con Lorenzo Dalla Porta ed Aron Canet separati da appena 2 punti, e con Tony Arbolino a -29.

Il Buriram International Circuit, che questo weekend ospiterà la seconda edizione del Gran Premio di Thailandia, esordiente lo scorso anno nel Motomondiale (foto da: blog.livedoor.jp)

MOTOGP THAILANDIA 2019 – IL CIRCUITO DI BURIRAM

Il circuito di Buriram, meglio noto con la denominazione di Chang International Circuit, è posto ai margini dell’omonima cittadina, situata a circa 410 km a nord-est di Bangkok. Inaugurato il 4 Ottobre 2014, questo circuito vanta il Grado 1 della FIA e il Grado A della FIM. Lungo 4.554 metri, il Chang International Circuit si compone di 12 curve (5 a sinistra e 7 a destra) e presenta un senso di percorrenza orario. Superato il rettilineo dei box, si affronta la prima curva (destra a 90°), che immette su un lunghissimo rettilineo, solo leggermente ‘sporcato’ da una semicurva a sinistra, finendo poi in una violenta staccata.

Il layout del Buriram International Circuit (foto da: en.wikipedia.org)

Dopo un lungo tornante a destra (curva 3), si affronta un nuovo tratto in rettilineo, che conduce alla veloce curva 4 (a sinistra) e, dopo un breve allungo, ecco la staccata di curva 5, subito seguita dalla “gemella” (per così dire) curva 6, entrambe a sinistra. Cambio di direzione, curva 7 (a destra) e nuovo allungo per giungere in curva 8 (sempre a destra). L’insieme di curve medio-lente prosegue con curva 9 (lungo tornante a destra), seguita da curva 10 (a sinistra, in leggera contropendenza) e, dopo un cambio di direzione abbastanza repentino (curva 11), ci si lancia nell’ultima parte della pista. La staccata decisa di curva 12 (a gomito, a destra), come visto un anno fa, può essere fondamentale per l’esito delle gare e conduce i piloti nuovamente sul rettilineo dei box.

MOTOGP THAILANDIA 2019 – IL PRONOSTICO

Buriram si prepara ad incoronare Marc Marquez. Vien difficile pensare ad un esito diverso, visto lo stato di forma superlativo del #93, reduce dalle vittorie di Misano e di Motorland Aragón, dove ha letteralmente distrutto la concorrenza. Come se non bastasse, per gli avversari ovviamente, Marc ha un’ulteriore (ed importante) sprono per il weekend thailandese: con 98 punti di margine (300 a 202), se infatti dovesse finire la gara davanti ad Andrea Dovizioso, o almeno guadagnando due punti (ad esempio 4° e 5°), Marquez festeggerà l’ottavo titolo mondiale, a 26 anni (!!!). Lo scorso anno, furono proprio Marc ed Andrea a giocarsi la vittoria fino all’ultima curva, con lo spagnolo che beffò il forlivese, il quale avrà bisogno del risultato contrario per ‘allungare il brodo’ quantomeno fino a Motegi.

L’esultanza del padrone della MotoGP, Marc Marquez, al termine della gara vinta a Motorland Aragón. Questo weekend, a Buriram, lo spagnolo può già laurearsi Campione (foto da: motogp.com)

Le Yamaha scalpitano per salire sul podio e poter, nel caso, lottare anche per la vittoria. Indiziati primari sono Maverick Vinales, 3° un anno fa e portatosi rispettivamente a -8 e -9 da Alex Rins e Danilo Petrucci, 4° e 3° in classifica generale, e ovviamente Fabio Quartararo, il quale vuol proseguire nel suo indubbio percorso di crescita e maturazione. In casa Yamaha, riflettori puntati anche su Valentino Rossi, il quale deve riscattare la brutta prestazione di due settimane fa (8°), su una pista dove fece bene nel 2018; il Dottore deve anche cercare da un lato di non far scappare Vinales, che lo precede di 10 lunghezze, e dall’altro tenere a bada Quartararo, che segue a -14.

Fabio Quartararo, in attesa della partenza sulla griglia di partenza in Aragona. Il francese del team Petronas sarà di certo tra i protagonisti del weekend thailandese (foto da: motogp.com)

Atteso ad un weekend in primo piano anche Alex Rins: lo spagnolo della Suzuki, come detto poc’anzi 4° in classifica, non ha brillato di recente e, dopo la vittoria di Silverstone, si è ritirato a Misano ed è finito 9° a Motorland Aragó; un anno fa, a Buriram, Rins chiuse 6°, ma a solo 3″ dal vincitore. Da tener d’occhio anche Jack Miller, gran 3° due settimane fa, Cal Crutchlow e Franco Morbidelli, steso nelle prime battute in Aragona dallo stesso Rins, ma reduce da un buonissimo periodo. Chiusura su Danilo Petrucci e Jorge Lorenzo: il ternano sta faticando maledettamente da ormai troppe gare, finendo addirittura fuori dai 10 due settimane fa (12°), e ha bisogno assoluto di un bel risultato; discorso per certi versi simile per lo spagnolo che, dal ritorno dall’infortunio, non sta progredendo granché, come si nota dal disastroso 20° posto ottenuto a Motorland Aragón.

THAILANDIA 2019 – PRONOSTICO MOTO2 E MOTO3

In Moto2 il titolo è un affare tutto spagnolo, con un pilota favorito e due all’inseguimento, anche se un quarto incomodo potrebbe anche esserci. Nella prima posizione troviamo Alex Marquez, che comanda con 213 punti la classifica; nella seconda posizione, invece, ci sono i connazionali Jorge Navarro ed Augusto Fernandez, staccati rispettivamente di 38 e 42 lunghezze. Nella terza, quella dell’incomodo, troviamo lo svizzero Thomas Luthi (-44), il quale però non vede il podio da Barcellona. Per il minore dei fratelli Marquez la sensazione è che si tratti di amministrare il vantaggio, potendo se possibile incrementare, mentre gli altri due dovranno giocoforza andare all’attacco. Per la zona podio può dire la sua anche il sudafricano Brad Binder, vincitore in Aragona e capace di due vittorie e cinque podi nelle ultime sette gare. Si spera in qualcosa da parte dei nostri, soprattutto Luca Marini (2° lo scorso anno qui) e Lorenzo Baldassarri, oltre ai due rookie Fabio Di Giannantonio (vincitore a Buriram in Moto3) ed Enea Bastianini.

Alex Marquez e Jorge Navarro, in foto mentre duellano nel corso dell’ultima gara disputata in Aragona, arrivano a Buriram da 1° e 2° della generale, nella classe Moto2 (foto da: motogp.com)

La Moto3 si preannuncia come la classe più elettrizzante. Aron Canet, vincitore a Motorland Aragón, arriva sulle ali dell’entusiasmo, e proverà a tornare davanti al leader della classifica, Lorenzo Dalla Porta, reduce da due prestazioni non proprio esaltanti (8° a Misano e 11° in Aragona). Tra i due ballano appena due punti (182 a 184). Coltiva, giustamente, ancora delle speranze Tony Arbolino (3° a -29), che però non dovrà sbagliare più, pena perdere definitivamente contatto dai due avversari. Tanti, come al solito, i papabili nella caotica lotta per le prime posizioni: per i nostri, vanno menzionati Niccolò Antonelli, Celestino Vietti, Dennis Foggia ed Andrea Migno; tra gli altri, i nipponici Tatsuki Suzuki e Ai Ogura, gli spagnoli Marcos Ramirez e Jaume Masià, lo scozzese John McPhee, l’argentino Gabriel Rodrigo e il ceco Jakub Kornfeil.

Dominando a Motorland Aragón, Aron Canet si porta a soli 2 punti da Lorenzo Dalla Porta, leader della Moto3 (foto da: motogp.com)

MOTOGP THAILANDIA 2019 – METEO ED ORARI TV

Questo il meteo previsto nel weekend, con la pioggia che potrebbe fare capolino ogni giorno. Venerdì cielo nuvoloso con possibilità di temporali sparsi soprattutto al pomeriggio (60% di probabilità); temperature tra i 29 ed i 33 C°. Sabato la situazione dovrebbe essere un pelo peggiore, con possibilità di pioggia al 40% al mattino e del 65% in ottica qualifiche, mentre le temperature dovrebbero assestarsi sui 31 C°. Domenica ancora cielo molto nuvoloso, anche se le possibilità di pioggia sono minori (35%); temperature sui 32 C°. Per quanto riguarda la copertura TV, il Gran Premio di Thailandia sarà visibile in diretta sul satellite (Sky Sport MotoGP HD), mentre andrà in differita sul digitale (TV8), con uno scarto di 5 ore per ogni evento.

MOTOMONDIALE THAILANDIA 2019 SKY (DIRETTA ESCLUSIVA)

Venerdì 04 Ottobre

PL1 Moto3 04:00-04:40
PL1 MotoGP 04:55-05:40
PL1 Moto2 05:55-06:35
PL2 Moto3 08:15-08:55
PL2 MotoGP 09:10-09:55
PL2 Moto2 10:10-10:50

Sabato 05 Ottobre

PL3 Moto3 04:00-04:40
PL3 MotoGP 04:55-05:40
PL3 Moto2  05:55-06:35
Qualifiche Moto3 07:35-08:15
PL4 MotoGP 08:30-09:00
Q1 MotoGP  09:10-09:25
Q2 MotoGP  09:35-09:50
Qualifiche Moto2 10:05-10:45

Domenica 06 Ottobre

Warm Up Moto3 03:40-04:00
Warm Up Moto2 04:10-04:30
Warm Up MotoGP 04:40-05:00
Gara Moto3 06:00
Gara Moto2 07:20
Gara MotoGP 09:00

MOTOMONDIALE THAILANDIA 2019 TV8 (DIFFERITA)

Sabato 05 Ottobre

Studio MotoGP 13:15
Sintesi Qualifiche Moto3, MotoGP e Moto2 14:00
Studio MotoGP 15:15

Domenica 06 Ottobre

Studio MotoGP 10:00
Gara Moto3 11:00
Studio MotoGP 12:00
Gara Moto2 12:15 
Studio MotoGP 13:15
Gara MotoGP 14:00 

MOTOGP THAILANDIA – ALBO D’ORO (SOLO MOTOGP)

Il Gran Premio di Thailandia, come sottolineato in apertura, giunge alla sua seconda edizione. Quello di Buriram è il 72.esimo circuito nella storia ad ospitare una prova del Motomondiale, il 10° situato nel continente asiatico. Lo scorso anno, per quanto riguarda la MotoGP, Marc Marquez mise a segno un hat-trick (pole, vittoria e giro record). In Moto2 e in Moto3, invece, due vittorie italiane: Francesco Bagnaia (con giro record) nella Middle Class (pole a Lorenzo Baldassarri); nella Entry Class, invece, vittoria di Fabio Di Giannantonio (pole di Marco Bezzecchi e giro record di Dennis Foggia).

Marc Marquez ed Andrea Dovizioso si fanno reciprocamente i complimenti, dopo il gran duello che ha animato il finale della gara di Buriram dello scorso anno (foto da: motogp.com)

(2018) – Buriram – Marc Marquez (SPA, Honda)

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo