Motomondiale GP Misano 2019 – Anteprima ed Orari Diretta TV

Dopo aver osservato una pausa di due domeniche, il Motomondiale è pronto a tornare in pista. E’ tempo della seconda prova su suolo italico, con il Misano World Circuit Marco Simoncelli che, questo weekend, sarà teatro della 13.esima prova di questo 2019, il Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini, che giunge alla sua 22.esima edizione. Marc Marquez, leader solitario del Mondiale, proverà a riscattare le ultime due sconfitte in volata patite al Red Bull Ring e a Silverstone per mano, rispettivamente, di Andrea Dovizioso e di Alex Rins. Questi ultimi cercheranno di ripetere lo scherzetto al Campione della Honda, mentre vorranno dire la loro anche gli yamahisti, Valentino Rossi su tutti, in quella che è la sua gara di casa. In Moto2, Alex Marquez dovrà gestire il margine sugli inseguitori, mentre in Moto3 sarà di nuovo duello tra Lorenzo Dalla Porta ed Aron Canet, separati da 14 punti, pur se dopo Silverstone anche Tony Arbolino può essere considerato della partita (-38). Ci sarà anche la MotoE, che a Misano vedrà la disputa di ben due gare.

MOTOGP MISANO 2019 – IL PRONOSTICO

L’ultima volta a Silverstone, Marc Marquez ha lasciato il circuito da un lato soddisfatto per aver ulteriormente allungato in classifica, portandosi a +78 sullo sfortunatissimo Dovi, steso dalla M1 di Quartararo in uscita dalla Copse; dall’altro, però, era evidente il fastidio per esser stato beffato per la seconda volta in due gare, fulminato proprio sulla linea del traguardo dalla Suzuki di Rins. Ragion per cui il pilota HRC, se per un verso può approcciare al weekend di Misano con tutta tranquillità, dall’altro proverà di certo a rifarsi, in un’annata che, comunque, quando lo ha visto arrivare in fondo (sempre tranne che ad Austin), alla peggio ha chiuso secondo. Il rapporto di Marquez con Misano, tra l’altro, è ottimo, avendovi ottenuto ben 5 vittorie (primatista), 7 podi complessivi, 2 pole e 5 giri record.

La spettacolare e sorprendente volata di Silverstone, con Alex Rins che batte per 13 millesimi Marc Marquez (foto da: motogp.com)

I rivali più pericolosi sono proprio i due che l’hanno battuto tra Red Bull Ring e Silverstone. In primis Andrea Dovizioso, che cercherà di dimenticare il doloroso ‘0’ in terra britannica, che ha fatto spegnere anche l’ultima fiammella di speranza in ottica iridata. A Misano il Dovi, almeno fino al 2017, non aveva mai raccolto granché; poi sono arrivati prima il 3° posto dell’edizione di due anni fa, poi la bella vittoria della passata stagione; in qualifica, come personal best restano le prime file del 2007 e del 2017 (2° in entrambi i casi), mentre uno è il giro record ottenuto, sempre lo scorso anno. Per quanto riguarda Alex Rins, l’inattesa e rocambolesca vittoria inglese ha riscattato un’estate non felice in termini di risultati; il pilota Suzuki, sul circuito intitolato a Marco Simoncelli, e sul quale ha già vinto due volte (2013 e 2014 in Moto3), con 3 podi totali e un giro veloce, proverà a concedere il bis.

Dovizioso porta in alto la bandiera italiana durante l’ultimo successo a Misano (foto da: Twitter.com)

Attesissimo in quel di Misano sarà ovviamente l’idolo di casa, Valentino Rossi, reduce da una sfilata nella sua Tavullia con la M1, tra due ali di folla. Il Dottore, reduce da due 4° posti, ha bisogno di ritrovare quantomeno il podio, che manca da Austin, e quale posto migliore di Misano, dove ha portato a casa 3 vittorie, 6 podi, una pole e 2 giri record? In generale, attenzione a tutta la truppa Yamaha: Maverick Vinales (un podio ed una pole da queste parti) vuole consolidare la sua posizione di miglior pilota di Iwata in classifica, possibilmente con un occhio anche al duo Rins-Petrucci; Fabio Quartararo (6° in gara nel 2017 e 4° in prova lo scorso anno come primati personali), come il Dovi, vuole cancellare l’episodio di Silverstone, tornando a lottare davanti; Franco Morbidelli (5° nel 2016 in gara e 2° un anno dopo in qualifica), quindi, vorrà dare continuità al bel 5° posto centrato l’ultima gara.

Valentino Rossi sfreccia per le strade di Tavullia, nell’evento organizzato prima del GP di Misano (foto da: twitter.com)

Ancora, Misano sarà importante per Danilo Petrucci, che ha faticato tanto nel corso dell’estate, finendo per farsi passare da Rins al 3° posto in classifica; qui il ternando ha portato a casa finora un 2° posto nel 2017, mentre in qualifica ha due 8° posizioni in griglia come personal best. Capitolo Jorge Lorenzo: il maiorchino, tornato acciaccato a Silverstone, almeno a quanto dice sui social dovrebbe essere sulla via del pieno recupero; Misano è una pista amica (4 vittorie, 9 podi, 5 pole (in prima fila consecutivamente dall’edizione 2007 a quella 2016) e 3 giri veloci), e Jorge conta di cominciare a vedere qualche miglioramento sostanziale (va ricordato che, in questo 2019, lo spagnolo ‘vanta’ un 11° posto a Le Mans come miglior risultato). Per quanto riguarda gli altri possibili outsider, attenzione ai soliti Jack Miller e Cal Crutchlow, con un occhio anche ai vari Pol Espargaro, Francesco Bagnaia e Takaaki Nakagami.

MISANO 2019 – PRONOSTICO MOTO2, MOTO3 E MOTOE

Nella Middle Class i riflettori sono ovviamente su Alex Marquez. Il catalano sbarca a Misano dopo la caduta di Silverstone, ma forte di 35 punti di margine sul terzetto composto dai connazionali Augusto Fernandez (vincitore nella scorsa gara) e Jorge Navarro, oltre all’elvetico Thomas Luthi (solo 8° in Gran Bretagna). Questi dunque i rivali principali del fratellino di Marc, ma non mancano altri nomi tra i papabili almeno per il podio. A partire dal sudafricano Brad Binder (KTM) il quale, grazie a quattro podi nelle ultime cinque, è risalito in 5° posizione in classifica (-56 da Marquez). Poi ci sono i nostri, che vorranno certamente ben figurare in quella che per molti è la gara di casa: da Lorenzo Baldassarri (6° a -57), in timida ripresa nelle ultime uscite, a Luca Marini (8° a -73), senza dimenticare i rookie Fabio Di Giannantonio ed Enea Bastianini, che tornerà in pista dopo l’infortunio al piede destro che gli ha fatto saltare la gara britannica.

Alex Marquez, leader della classifica del campionato della classe Moto2 (foto da: motogp.com)

Si prospetta ricca di spettacolo la Moto3. Una categoria incentrata sul duello tra il nostro Lorenzo Dalla Porta e lo spagnolo del team di Max Biaggi, Aron Canet, separati da 14 punti in favore dell’italiano (171 a 157), ma nella quale vuole recitare il ruolo di terzo incomodo il sempre più convincente Tony Arbolino, 3° a -38 dal connazionale e reduce da cinque podi nelle ultime sette. Sia in ottica Misano che in ottica iridata possono aver ancora qualcosa da dire anche Niccolò Antonelli (4° a -53, ma con un solo podio in stagione (1° a Jerez)) e Marcos Ramirez, compagno di squadra di Dalla Porta (5° a -57 e vincitore a Silverstone, oltre che a Barcellona). Tanti i possibili outsider: dai nostri Celestino Vietti, Romano Fenati, Dennis Foggia ed Andrea Migno, allo scozzese John McPhee, passando per lo spagnolo Jaume Masià e per la truppa nipponica, formata da Tatsuki Suzuki, Ai Ogura, Kaito Toba ed Ayumu Sasaki.

Leader del Mondiale della classe Moto3, Lorenzo Dalla Porta a Misano dovrà difendersi soprattutto da Aron Canet e dal connazionale Tony Arbolino (foto da: motogp.com)

Come sottolineato nell’intro, a Misano torna in pista anche la MotoE, con due gare, una sabato pomeriggio e l’altra domenica mattina. Classifica alla mano, i favoriti possono essere individuati nel leader, il francese Mike Di Meglio (41, 3° in Germania e vincitore in Austria), nel britannico Bradley Smith (36, un 2° ed un 3° posto all’attivo) e nel belga Xavier Simeon (29, 2° in Austria), mentre cercherà il riscatto il finlandese Niki Tuuli (26), solo 15° al Red Bull Ring dopo la vittoria al Sachsenring. Ci si attende qualcosa di positivo dai piloti italiani, ovvero Matteo Ferrari (22), Niccolò Canepa, Mattia Casadei e Lorenzo Savadori, oltre al sanmarinese Alex De Angelis (23).

Un sorridente Mike Di Meglio, sul podio del Red Bull Ring. Il francese ha vinto la seconda gara stagionale della MotoE, prendendosi anche la vetta della classifica (foto da: twitter.com)

MOTOGP MISANO 2019 – METEO ED ORARI TV

Ecco il meteo previsto per il weekend di Misano Adriatico. Venerdì cielo sereno, con temperature massime previste di 26 C°. Sereno o poco nuvoloso sabato, con temperature che, al momento delle qualifiche della MotoGP, potranno toccare i 27 C°. Situazione pressoché identica nella giornata di domenica. Per quanto riguarda la copertura TV, come lo scorso anno il Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini sarà visibile in diretta sul satellite (Sky Sport MotoGP HD) e sul digitale (TV8).

MOTOMONDIALE MISANO 2019 SKY (DIRETTA)

Venerdì 13 Settembre

PL1 Moto3 09:00-09:40
PL1 MotoGP 09:55-10:40
PL1 Moto2 10:55-11:40
PL2 Moto3 13:10-13:50
PL2 MotoGP 14:05-14:50
PL2 Moto2 15:05-15:50
E-Pole MotoE 16:05

Sabato 14 Settembre

PL3 Moto3 09:00-09:40
PL3 MotoGP 09:55-10:40
PL3 Moto2  10:55-11:40
Qualifiche Moto3 12:35-13:15
PL4 MotoGP 13:30-14:00
Q1 MotoGP  14:10-14:25
Q2 MotoGP  14:35-14:50
Qualifiche Moto2 15:05-15:50
Gara 1 MotoE 16:15

Domenica 15 Settembre

Warm Up Moto3 08:20-08:40
Warm Up Moto2 08:50-09:10
Warm Up MotoGP 09:20-09:40
Gara 2 MotoE 10:00
Gara Moto3 11:00
Gara Moto2 12:20
Gara MotoGP 14:00

MOTOMONDIALE MISANO 2019 TV8 (DIRETTA)

Sabato 14 Settembre

Studio MotoGP 11:30
Qualifiche Moto3 12:30
Studio MotoGP 13:15
Qualifiche MotoGP 14:00
Studio MotoGP 14:50
Qualifiche Moto2 15:00
Studio MotoGP 16:00

Domenica 15 Settembre

Studio MotoGP 10:00
Gara-2 MotoE Highlights 10:25
Studio MotoGP 10:30
Gara Moto3 11:00
Studio MotoGP 12:00
Gara Moto2 12:20
Studio MotoGP 13:30
Gara MotoGP 14:00
Studio MotoGP 15:00

MOTOGP SAN MARINO RIVIERA DI RIMINI – ALBO D’ORO (SOLO 500/MOTOGP)

Questo evento ha debuttato nel calendario del Motomondiale nel 1981, ad Imola, con le vittorie dei nostri Loris Reggiani in 125 e di Marco Lucchinelli in 500, dello spagnolo Ricardo Tormo in classe 50 e del tedesco Anton Mang in 250. Nelle prime nove edizioni, l’evento ha come denominazione semplicemente ‘Gran Premio di San Marino‘, ospitato a turno, oltre che dal circuito Enzo e Dino Ferrari, anche da Misano e dal Mugello. Alla nuova denominazione (‘Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini‘) si giunge nel 2007, quando la gara si sposta definitivamente nel rinnovato circuito di Misano. Il pilota più vincente è Marc Marquez, con 5 trionfi (2 in classe MotoGP (2015 e 2017), 2 in classe Moto2 (2011-12) ed uno in classe 125 (2010)). Con 4 vittorie segue Jorge Lorenzo (3 in classe MotoGP (2011-13) ed una in classe 250 (2007)), mentre a quota 3 c’è Valentino Rossi (tutte in classe MotoGP (2008-09 e 2014)).

I protagonisti della splendida tripletta italiana dello scorso anno a Misano Adriatico: da sinistra a destra, Francesco Bagnaia (Moto2), Andrea Dovizioso (MotoGP) e Lorenzo Dalla Porta (Moto3) (foto da: twitter.com)

GP DI SAN MARINO

(1981) – Imola – Marco Lucchinelli (ITA, Suzuki)

(1982) – Mugello – Freddie Spencer (USA, Honda)

(1983) – Imola – Kenny Roberts (USA, Yamaha)

(1984) – Mugello – Randy Mamola (USA, Honda)

(1985) – Misano – Eddie Lawson (USA, Yamaha)

(1986) – ” ” – Eddie Lawson (USA, Yamaha)

(1987) – ” ” – Randy Mamola (USA, Yamaha)

(1991) – Mugello – Wayne Rainey (USA, Yamaha)

(1993) – ” ” – Mick Doohan (AUS, Honda)

GP DI SAN MARINO E DELLA RIVIERA DI RIMINI

(2007) – Misano – Casey Stoner (AUS, Ducati)

(2008) – ” ” – Valentino Rossi (ITA, Yamaha)

(2009) – ” ” – Valentino Rossi (ITA, Yamaha)

(2010) – ” ” – Dani Pedrosa (SPA, Honda)

(2011) – ” ” – Jorge Lorenzo (SPA, Yamaha)

(2012) – ” ” – Jorge Lorenzo (SPA, Yamaha)

(2013) – ” ” – Jorge Lorenzo (SPA, Yamaha)

(2014) – ” ” – Valentino Rossi (ITA, Yamaha)

(2015) – ” ” – Marc Marquez (SPA, Honda)

(2016) – ” ” – Dani Pedrosa (SPA, Honda)

(2017) – ” ” – Marc Marquez (SPA, Honda)

(2018) – ” ” – Andrea Dovizioso (ITA, Ducati)

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo