MotoGP, Dall’Igna ci crede: “Il Mondiale non è finito ad Aragon”

L’esito del Gran Premio d’Aragona è stata una botta dura da digerire in casa Ducati. Se infatti Jorge Lorenzo si è espresso ad ottimi livelli, conducendo la gara per due terzi e chiudendo con il suo secondo podio con la scuderia di Borgo Panigale, decisamente peggio è andata ad Andrea Dovizioso. Il forlivese, pagando una scelta di gomme al posteriore non molto felice, ha fatto il gambero dopo un ottimo inizio, chiudendo solo 7°.

Il Direttore Generale di Ducati Corse, Gigi Dall’Igna, è ancora fiducioso per la corsa iridata di Dovizioso (foto da: motorcyclesports.pt)

Un risultato che, collegato alla vittoria di prepotenza di Marc Marquez, ha fatto precipitare il Dovi a -16 dal diretto rivale nella corsa iridata. Una situazione che fa pendere la bilancia decisamente dalla parte dello spagnolo. Eppure, Gigi Dall’Igna non intende arrendersi: “Domenica non abbiamo perso il Mondiale. Resto convinto che avremo parecchio da dire da qui alla fine” – ha commentato alla Gazzetta dello Sport – “Sapevamo che per Andrea e la nostra moto Aragon sarebbe stata complicata. Decisivo per noi in negativo è stato il tempo perso venerdì. Credo abbia danneggiato più noi che per gli altri. Dopo la gara abbiamo parlato un po’, lui è uno obiettivo e che ragiona molto, mi è sembrato motivato come sempre“.

Quando ti trovi a lottare con un avversario così forte, e parlo di moto e pilota, non puoi non esserne rispettosamente preoccupato. Marc è un pilota che si prende tanti rischi e vuole un risultato solo. E affrontare uno così può essere complicato, lo abbiamo visto” – continua il Direttore Generale di Ducati Corse – “Non credo avesse tanto margine, e di conseguenza ha rischiato molto. Le immagini di gara sono significative, uno che sbaglia tanto in un giro solo vuol dire che viaggia sempre vicino al limite“.

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo