MotoGP 2018 GP Misano, Marquez: “Commessi tanti errori dopo la caduta”

Marc Marquez ha vissuto delle qualifiche decisamente movimentate in quel di Misano Adriatico. Dopo un primo tentativo non proprio eccezionale, non di poco più lento del poi poleman Jorge Lorenzo, lo spagnolo si è lanciato nel suo secondo run, finendo però nel ghiaione in maniera anche abbastanza rovinosa in curva 15. Marc, come sempre, non si è perso d’animo e in soli 2 minuti e 19 secondi è riuscito a tornare nel suo box e, senza guardare in faccia a nessuno, si è fiondato sulla seconda moto, per poi lanciarsi nuovamente in pista.

Marc Marquez a colloquio con gli uomini del suo box, nel corso delle qualifiche di Misano Adriatico (foto da: motogp.com)

Da quel momento, però, Marquez non è stato proprio lucidissimo, commettendo vari errori negli ultimi giri, dovendo finire per accontentarsi del 5° tempo, staccato di +0.387 da Lorenzo. “Probabilmente sono stato un pò troppo frettoloso a tornare. Dico questo perché, quando sono salito in sella alla moto, mi sono accordo di avere un sassolino nell’occhio. Ho perso concentrazione e continuavo a sbattere le palpebre“, ha commentato a caldo Marquez.

Stavo ancora rotolando nella ghiaia che già pensavo a cosa dovevo fare con la seconda moto. L’idea era di fare solo un giro, ma ho avuto il tempo per due” – ha aggiunto il pilota HRC – “Al momento della caduta ho capito di avere molto margine per migliorare. Ero arrabbiato con me stesso perché sapevo che avrei potuto fare molto meglio. Quando sono arrivato sulla seconda moto, però, ho commesso diversi errori di concentrazione. Ad esempio, ho montato la gomma media all’anteriore invece che la dura, proprio per poter essere più sicuro“.

Nonostante delle Q2 tribolate, comunque, Marquez non si considera assolutamente fuori dai giochi per la vittoria domani. “Anche se le Ducati sono chiaramente più veloci, sento di poter dire la mia. Non siamo lontani e il nostro passo è buono. Se avrò il feeling avuto oggi in PL4, proverò a giocarmi il podio e, se possibile, anche la vittoria” – conclude il nativo di Cervera – “Il gap con la Ducati è enorme con le gomme nuove, poiché hanno davvero tanta potenza. Ma con le gomme usate siamo più vicini, come mostrato in PL4. Vedremo se saremo in grado di reggerne il passo“.

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo