Milan, scoppia il caso Rafael Leao: Sporting chiede risarcimento

L’acquisto da parte del Milan di Rafael Leao dal Lille ha fatto scoppiare un vero e proprio caso in Portogallo, visto che lo Sporting Lisbona ha chiesto il risarcimento per lo svincolo del giocatore avvenuto la scorsa estate

Può un giocatore far scoppiare un caso diplomatico e burocratico a poche ore dalla sua firma sul contratto con un nuovo club? Pare proprio di sì! 

Infatti, oggi il Milan ha annunciato l’acquisto di Rafael Leao dal Lille, che è andato a sostituire Patrick Cutrone, ceduto al Wolverhampton per 18 milioni di euro, più 4 milioni di euro di bonus.

L’attaccante portoghese, che nelle idee di Marco Giampaolo dovrà fare coppia con Kris Piatek, è costato 25 milioni di euro, più 5 milioni di euro di bonus e il cartellino di Tiago Djalo, valutato altri 5 milioni di euro, e ha firmato un contratto di cinque anni da oltre 2 milioni di euro netti a stagione.

Per alcuni un grande colpo, per altri un grosso rischio. Sarà solo il campo a dire la verità, ma nel frattempo è successo di tutto.

Infatti, nei mesi scorsi lo Sporting Lisbona aveva aperto una parentesi giudiziaria con la Fifa per richiesta di risarcimento danni nei confronti del Lille.

Ma cosa era successo? Nell’estate del 2018 molti giovani, tra i quali gli stessi Rafael Leao e Tiago Djalo, si erano svincolati rescindendo i propri contratti con il club portoghese, che subito aveva chiesto l’intervento dei massimi organi europei. 

Cosa può accadere? Sicuramente, il Lille potrebbe essere sanzionato con una multa. Bisogna capire se anche il Milan entrerà in gioco come parte in causa. Poi, il rischio maggiore è che il giocatore possa essere squalificato per alcuni mesi. 

Ecco il comunicato ufficiale: 

Alla luce del trasferimento di Rafael Leao dal Lille al Milan, lo Sporting Clube de Portugal chiarisce quanto segue.

1. Che continua a ritenere che il giocatore Rafael Leao non abbia avuto motivi per recedere dal contratto sportivo che lo legava allo Sporting CP;

2. Che continuerà ad impegnarsi per far valere i propri diritti nelle autorità competenti e, soprattutto, con la FIFA, dove chiederà al Lille il risarcimento dovuto per i diritti del giocatore di cui è stato illegalmente privato, il cui valore è illustrato dal trasferimento appena annunciato,

3. E farà del suo meglio per garantire che i trasgressori non ne traggano beneficio, come impongono le regole del gioco e l’etica delle relazioni tra club

Benito Letizia

Informazioni sull'autore
Direttore di Stadiosport. Giornalista Pubblicista, Laureato in Lettere Moderne e Filologia Moderna presso l’Università Federico II di Napoli. "Il calcio è vita".
Tutti i post di Benito Letizia