Milan-Roma, conferenza stampa pre partita Fonseca

Il tecnico prima della trasferta: “Kluivert? Vediamo. Mkhitaryan e Zappacosta stanno bene. Pau Lopez pronto per la prossima partita. Abbiamo fatto bene prima e dopo il lockdown”

Dopo la vittoria (2-1) in rimonta contro la Sampdoria, per la Roma ecco palesarsi davanti l’ostacolo Milan. Domani (ore 17:15, diretta su DAZN) i giallorossi voleranno a Milano per la prima trasferta post-ripresa. La gara di San Siro è una gara importante per entrambe le formazioni. I giallorossi vogliono continuare la (difficile) rimonta al quarto posto, mentre i rossoneri cercheranno di staccare (in attesa di passi falsi) Parma e Verona oltre a continuare l’inseguimento del Napoli.

IL RICORDO – Prima del fischio inizio di Giacomelli (amuleto per i giallorossi, mai una sconfitta dal 2018), le due squadre si raduneranno per commemorare la figura di Pierino Prati, ex attaccante di entrambe.

LE PAROLE – In attesa di volare per il capoluogo lombardo (partenza prevista alle 21 da Fiumicino) Paulo Fonseca ha parlato alla stampa, ancora fisicamente assente per le attuali norme.

Il tecnico giallorosso ha esordito lasciando uno spiraglio sulla presenza di Justin Kluivert, affaticato nell’ultima settimana. Chi invece ha recuperato pienamente è Davide Zappacosta. Il terzino destro, ha fatto sapere Fonseca, è “pronto per domani“. Non è ancora pronto invece Pau Lopez. Il portiere spagnolo si era infortunato al polso sinistro (micro-frattura) poco dopo la ripresa degli allenamenti. Inizialmente la diagnosi parlava di un recupero di venti giorni, ma l’estremo difensore (forse in uscita) ha avuto un ritardo sulla tabella di marcia. Per Fonseca, però, il recupero è proceduto in maniera normale. Il tecnico ha precisato come non sia pronto per la gara di domani, ma che lo sarà per la prossima. Parlando dei singoli, l’allenatore portoghese ha risposto a chi considera la Roma “Dzeko-dipendente“. Per Fonseca, il capitano è sì giocatore importante, ma nella stessa maniera in cui lo sono gli altri.

LA GARA – Contro il Milan si giocherà alle 17.15, un orario in cui il caldo la farà da padrone. Il lusitano ha ammesso che non condivide la scelta fatta, aggiungendo come sia meglio giocare più tardi. Dato il clima, i cinque cambi potrebbero venire incontro (così come è successo mercoledì) a Fonseca. Il tecnico ha tuttavia precisato che le scelte per la formazione di domani non sono state prese in base alla possibilità di realizzare cinque cambi. Scelte che comunque sono agevolate dalla rosa lunga di cui la Roma dispone. Alternativa che Fonseca apprezza particolarmente: “E’ molto positivo avere quasi tutti i giocatori pronti per giocare. Ho la possibilità di cambiare partita per partita“.

La formazione di Pioli è in dubbio la permanenza dell’ex Kjaer (il danese è alle prese con un problema al ginocchio) e mancherà sicuramente di Ibrahimovic. I rossoneri, restano comunque una squadra da temere. Chi potrebbe destare più preoccupazione alla retroguardia giallorossa è Ante Rebic. Fonseca ha però messo in guardia come il Milan in rosa abbia molti giocatori di qualità.

Parlando di qualità, l’allenatore giallorosso ne ha approfittato per confessare la sua ammirazione per i grandi campioni (Rijkard, Gullit, Van Basten, Baresi e Maldini) e allenatori (Sacchi e Capello) passati sotto l’era Berlusconi.

UTOPIA (?) – A San Siro in palio ci sono tre punti che permetterebbero alla Roma di continuare a sognare il quarto posto, più che saldamente controllato dall’Atalanta. Fonseca però ci crede ancora: “Ho speranza. Dobbiamo pensare sempre a vincere la prossima partita“.

VECCHI, AMARI RICORDI – Al tecnico giallorosso è stato fatto presente come nella gara contro la Samp, la Roma abbia fatto registrare il più alto numero di tiri in porta di tutta la Serie A. Un dato che ha due letture. Una, quella più positiva, è che la Roma crea tante occasioni da gol. Dall’altra parte della medaglia, però, è quella della (tradizionale) sterilità. Fonseca sceglie comunque di guardare il bicchiere mezzo pieno: “Sono ottimista: se la squadra continua a giocare così la possibilità di fare più gol è alta. Posso essere preoccupato se non crea. Abbiamo fatto due gol e abbiamo vinto, questo è l’importante“. 

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SISAL

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Roberto Gentili

Informazioni sull'autore
Cresciuto a pane, calcio e sport.
Tutti i post di Roberto Gentili