Milan-Roma 3-1, Mourinho: “Chiffi ha arbitrato senza personalità, felice di aver rifiutato il Milan in passato”

Il tecnico portoghese ha parlato in conferenza stampa dopo la sconfitta contro i rossoneri.

Non è l’inizio di 2022 che Josè Mourinho sperava di ottenere quello che si materializza allo Stadio San Siro di Milano dove un Milan apparso in grande forma nonostante i problemi riguardanti le assenze per Covid-19 ha regolato la pratica Roma per 3-1.

I giallorossi non sono stati autori di una prova malvagia ma la differenza di qualità messa in campo dalle due formazioni ha materializzato questo risultato e non solo.

Infatti, per Josè Mourinho, questa partita ha avuto ben più sfumature di quel che so può pensare e in conferenza stampa è apparso furioso per la conduzione della terna arbitrale e della sala VAR.

Secondo il portoghese, infatti, la Roma è stata in partita fino all’espulsione rimediata da Karsdorp in un momento in cui il nervosismo generale la stava già facendo da padrona.

Ci sono stati molti errori di appoggio e di palleggio, ma le ire dello Special One sono rivolte all’arbitro Chiffi e alla Sala VAR, rea di aver dato il rigore del vantaggio poi trasformato da Giroud dopo un tocco di mano di Abraham.

Secondo Mourinho il VAR ha influenzato la partita cercando di essere “protagonista” all’interno del match, mentre Chiffi, ovvero l’arbitro designato, ha condotto senza personalità uno scontro delicato come questo.

Riguardo le ambizioni dei giallorossi, Mourinho rimarca il fatto che manchi qualità alla squadra e che tecnicamente oggi si è visto un passo indietro.

La squadra ha sbagliato alcune situazioni che potevano apparire elementari e se da un lato è chiaro nel dire che l’arbitro non gli è affatto piaciuto, anche la squadra non riceve un trattamento diverso nel giudizio finale.

Oltre il risultato, peseranno anche le assenze contro la Juventus che ammontano a 3: Karsdorp e Mancini sono stati espulsi, mentre Cristante ha subito un’ammonizione che farà scattare la diffida.

Lo Special One parla anche del “no” rifilato al Milan in passato, precisamente tre anni fa, dicendo di essere orgoglioso di questa scelta e felice di non aver scelto la sponda rossonera di San Siro.

Sugli arbitri, continua Mou, serve un metro di giudizio lineare e delle spiegazioni valide alle delucidazioni richieste come lo stesso portoghese ha cercato di dire riguardo gli episodi dei due rigori assegnati al Milan.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€