Manchester City: Kompany manda in delirio l’Etihad Stadium contro il Leicester

La squadra di Guardiola è sempre più vicina al titolo.

Restano solo novanta minuti tra il Manchester City ed il titolo di campione d’Inghilterra. Dopo la vittoria del Liverpool contro il Newcastle, il City era chiamato a vincere e contro il Leicester non ha fallito, battendo le Foxes per 1-0. A decidere la partita è stato un gol di Kompany al 70′ che mandato in visibilio l’Etihad Stadium, permettendo ai Citizens di riportarsi a +1 sul Liverpool. Adesso al City basterà solamente vincere in casa del Brigthon all’ultima giornata per laurearsi campione, indipendentemente da quello che faranno i Reds.

Com’era lecito aspettarsi, a fare la partita è il Manchester City, con Leicester che prova a giocare sugli errori dei Citizens per creare qualcosa di pericoloso in avanti. Il primo è dominato dalla squadra di Guardiola che crea i presupposti per il vantaggio che maturerà solamente nella ripresa. Ad avere le migliori occasioni per sbloccare il match nella prima parte sono Foden ed Aguero, ma Schmeichel ferma entrambi impedendo di concedere il vantaggio al City. 

Nella ripresa il City crea di meno, ma è sempre pericoloso ancora con il Kun al 69′ e Schmeichel è chiamato nuovamente alla parata. Da calcio d’angolo, però, nulla può sulla bomba di capitan Kompany che raccoglie il pallone al limite e batte il portiere danese, facendo impazzire l’Etihad che iniziava a preoccuparsi. Il Leicester prova a reagire allo svantaggio, ma il City non soffre particolarmente le offensive delle Foxes e porta a casa quella che potrebbe essere stata davvero una vittoria decisiva. Inoltre, a segnare, è stato il calciatore che ha vissuto gli anni peggiori del City, da prima dell’arrivo dello sceicco, quando i Citizens non erano ancora un top club.

 

 

 

Danilo Servadei

Informazioni sull'autore
Laureando in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Giornalista pubblicista con la passione per il calcio estero e l'amore per quello giapponese e asiatico
Tutti i post di Danilo Servadei