Leeds United promosso in Premier League dopo 16 anni

Il Leeds United fa ritorno in Premier League dopo 16 anni dall’ultima volta. Decisiva per la squadra del Loco Bielsa la sconfitta rimediata ieri dal West Bromwich Albion in casa dell’Huddersfield.

Grazie alla sconfitta per 2-1 del West Bromwich Albion contro l’Huddersfield, il Leeds United ha potuto festeggiare il ritorno in Premier League dopo ben 16 anni.

Una promozione meritata per la squadra allenata dal Loco Bielsa che ha dominato la Championship, esprimendo anche un calcio importante e con il tecnico cileno non poteva essere altrimenti. Bielsa ha creato una squadra forte e coesa, capace di superare anche i momenti più difficili.

Uno dei protagonisti della stagione del Leeds è stato Patrick Bamford, attaccante inglese di origini irlandesi, miglior marcatore del club con 16 reti, Il giocatore classe 1993 è stato decisivo con i suoi gol in molte partite, portando punti preziosi per la sua squadra.

Altro giocatore fondamentale per la promozione del Leeds è stato lo spagnolo Pablo Hernandez che oltre a realizzare otto gol, ha collezionato anche sette assist, rivelandosi uno dei giocatori chiave della squadra. Lo stesso si può dire per Harrison, autore di sei gol e otto assist, terzo miglior marcatore della squadra.

La sconfitta del West Bromwich non solo ha garantito la promozione del Leeds, ma anche il primato per la squadra del West Yorkshire. Al momento, solo il Brentford ha la possibilità di raggiungere gli 87 punti del Leeds ma per gli scontri diretti e la differenza reti, i Peacocks resterebbero davanti alle Bees.

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SISAL

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Danilo Servadei

Informazioni sull'autore
Laureando in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Aspirante giornalista con la passione per il calcio estero e l'amore per quello giapponese
Tutti i post di Danilo Servadei