Lazio: Ultras Curva Nord contro Acerbi

La Curva Nord biancoceleste non ha digerito le recenti critiche e ha risposto al difensore con un duro comunicato.

Calciomercato Napoli: piacciono Acerbi ed Emerson Palmieri

Non basta la vittoria contro il Venezia a fare in modo che nell’ambiente Lazio ci possa essere tranquillità e serenità.

Questa volta, a minare l’equilibrio dell’universo biancoceleste, tiene banco il “caso” Francesco Acerbi che dopo aver esultato zittendo la Curva Nord, nel match contro il Genoa, per poi esprimere alcune critiche riguardo il tifo laziale e “ritrattare” l’evento scusandosi e spiegando meglio la sua posizione sui social, è nell’occhio del ciclone.

L’esultanza polemica e rabbiosa di una delle colonne portanti di questa squadra e che, nelle ultime uscite, si sta riscoprendo fondamentale in zona gol, ha suscitato l’ira degli ultras della Curva Nord, adirati dai recenti eventi.

I supporters laziali non hanno perdonato Acerbi e l’aria che tira a Formello è ben pesante con le due parti che sembrano non riuscire a ricucire il rapporto.

Ultimo degli eventi, è stato il comunicato ufficiale diramato dalla Curva Nord della Lazio che con durezza e parole anche molto forti, si schierano totalmente contro il difensore italiano.

Nel comunicato Acerbi viene additato come “uomo senza onore” e la richiesta è che vada via da Roma subito.

Si capisce esattamente anche come il gesto fatto contro il Genoa sia significato una sorta di tradimento per i tifosi biancocelesti che riaffermano la propria posizione dicendo che il rispetto per il tifo vale più di qualsiasi calciatore.

Negli anni ci sono state contestazioni, anche pesanti, con svariati giocatori e varie bandiere, ad esempio nel comunicato vengono citati i nomi di Chinaglia, Nesta e Mihajlovic, monumenti della storia laziale.

Acerbi ha zittito la curva nella partita scorsa dopo mesi di sostegno a oltranza, Oggi aveva l’occasione, da uomo, di scusarsi sotto al settore ospiti occupato da 3mila tifosi Laziali. A fine partita invece, come un coniglio, mentre gli altri giocatori sono venuti ad esultare con noi, lui se ne è andato via. Si è tirato indietro quando sarebbero bastate scuse sincere. A noi che Acerbi sia un giocatore importante per la rosa della Lazio non importa nulla. Per noi contano il sudore, la grinta e il rispetto. Ecco perché, da oggi, Francesco Acerbi non è più gradito qui a Roma. Fino a quando sarà qui, verrà fischiato, In ogni partita!”, recita il comunicato degli ultras.

La Curva Nord ha, dunque, ribadito la propria posizione facendo capire che la situazione è davvero difficile da ricucire in tempi brevi.