Juventus-Torino 4-1 , voti e pagelle: ancora decisivi Dybala e CR7, redivivo Cuadrado

La Juventus prosegue la sua marcia.

Nel 2° e ultimo Derby della Mole stagionale, che apre la 30^ giornata – 11^ di ritorno – di Serie A, i bianconeri di Sarri sconfiggono il Torino di Moreno Longo con un netto 4-1.

Segnali di crescita costante per la Juve, sul piano soprattutto del gioco espresso, che adesso oltre alla concretezza inizia a guadagnare anche la spettacolarità tanto voluta da Sarri.

Ancora una volta, per la terza gara di fila, a segno sia Dybala che Cristiano Ronaldo.

Per la Joya in particolare è la quarta partita consecutiva con gol all’attivo.

L’argentino ripete la prodezza contro il Genoa, un’azione molto simile, imbeccato da Cuadrado – grande partita – in area di rigore si accentra da destra, disorientando Lyanco e infilando il suo solito sinistro.

Il tentativo di opposizione di Armando Izzo si traduce solo in una deviazione che non cambia la sostanza delle cose.

Match sbloccato dal numero 10 bianconero già al 3′ minuto e partita che sembra decisamente indirizzata.

Lo stesso Cuadrado poi sale in cattedra, trovando un gol meritatissimo.

Percussione centrale del solito CR7 che serve in area il colombiano, il quale si accanisce ancora contro il povero Lyanco – partita da incubo per lui – saltandolo di netto prima di trovare il diagonale vincente.

Dopo il bis dei padroni di casa inizia una fase di rabbiosa reazione d’orgoglio che c’era obiettivamente da aspettarsi da parte dei granata.

Che nel finale trovano il calcio di rigore con cui accorciano le distanze: de Ligt ci ricasca e tiene il braccio troppo largo sulla conclusione di Verdi, Mariani non ha dubbi e dal dischetto Belotti va a segno.

4° gol consecutivo per il Gallo, che per poco però non si fa ipnotizzare da Buffon, il quale indovina la traiettoria ma non ci arriva per un soffio.

Partita speciale per Gigi, che stabilisce il nuovo record di presenze in Serie A, 648, celebrate nelle maniche delle divise di tutta la squadra, con la scritta “648uffon” !

I granata aprono la ripresa allo stesso modo di come avevano chiuso il primo tempo, all’arrembaggio e determinati a cambiare le sorti di un match che li aveva visti dominati per quasi tutto il primo tempo.

E per poco non arriva la svolta: sinistro di Berenguer che prova a festeggiare con il gol il suo 25° compleanno, corta respinta di Buffon, tentativo di tap-in vincente di Belotti che di sinistro manda sulla traversa, poi testa vincente di Verdi, ma Mariani ferma tutto, per fuorigioco del Gallo.

Sogni di gloria infranti per i granata, e Juve che riprende il suo passo e la chiude nella mezz’ora finale.

Prima un’altra perla, verso l’ora di gioco, quando CR7 sfata un tabù, infilando il suo 1° gol su calcio piazzato da quando gioca in Italia, una splendida parabola di interno collo destro su cui Sirigu sfiora ma null’altro.

Poi nel finale i granata capitolano, facendosi del male da soli, con Djidji che su cross dalla destra di Douglas Costa la infila nella propria porta.

Nel finale Sirigu e Izzo in collaborazione limitano i danni salvando il pokerissimo di Costa.

Una prestazione di altissimo livello per i bianconeri, che fra l’altro allungano a +7 sulla Lazio, clamorosamente sconfitta 0-3 in casa dal Milan.

Cuadrado, voto 7.5

Il colombiano si prende ancora una volta la fascia destra, con le sue brucianti accelerazioni e la sua tecnica devastante, prima l’assist per Dybala e poi la soddisfazione personale, 2° gol in questo campionato, grande serata.

Cristiano Ronaldo, voto 7.5

Il portoghese sempre più leader, sempre più al centro del gioco, serve lui il pallone del gol a Cuadrado, e poi finalmente sfata il tabù calcio di punizione, con una magistrale esecuzione, che gli vale il 4° gol di fila, il 25° in 26 gare in questo campionato. Insomma, momento topico per lui.

Dybala, voto 7

Ripete la prodezza di Marassi, gol pressoché fotocopia, e la sua è una presenza costante nelle sortite offensive bianconere.

Belotti, voto 6

E’ uno dei fuochi di questo Toro che stenta a spegnersi, a dispetto del pesante passivo. Realizza il gol che accorcia le distanze, e sfiorerebbe il clamoroso pari ma è in netto fuorigioco.

de Ligt, voto 6-

Piccolo passo indietro per l’olandesino, dopo una serie di prestazioni di prim’ordine, ricascando nel suo vizietto di tenere le braccia larghe che provoca il rigore trasformato da Belotti.

Lyanco, voto 4.5

Saltato da Dybala in occasione del primo gol, saltato di netto anche da Cuadrado in occasione del secondo, insomma, un pomeriggio da incubo per lui !

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Salvatore Sabato

Informazioni sull'autore
Laureando in chimica industriale. Da sempre devoto alla cultura e al sapere. In generale, sapere, qualunque cosa, ritengo sia sempre importante. Una grande passione per il giornalismo. Anche - ma non solo - sportivo. Fiero di collaborare ormai da tempo a questo progetto.
Tutti i post di Salvatore Sabato