Juventus-Roma, le dichiarazioni pre partita di Josè Mourinho: “Abraham convocato, ma vedremo domani se farlo giocare”

Il tecnico portoghese ha parlato in conferenza stampa in vista della sfida all’Allianz Stadium.

Non è mai una sfida come tante quella che domenica sera metterà di fronte la Juventus di Max Allegri e la Roma di Josè Mourinho.

Due squadre tanto diverse, ma con filosofie molto simili che i due allenatori concretizzano sul campo sotto forma di tattica.

Il big match dell’ottava giornata di campionato mette, infatti, di fronte due degli allenatori più “concreti” del panorama calcistico e che si pongono in maniera forte contro i “giochisti” moderni a favore del risultato.

In conferenza stampa, Josè Mourinho avverte subito l’ambiente dell’importanza e della difficoltà della partita di domenica all’Allianz Stadium.

La nota positiva è quella che riguarda Tammy Abraham che sarà disponibile per il match contro la Juventus e figura, dunque, nella lista dei convocati nonostante l’infortunio subito in Nazionale. Mourinho cerca di smorzare l’entusiasmo dichiarando che l’allenamento di oggi è troppo poco per capire se il ragazzo può giocare titolare in un match così importante, dunque domani sarà il giorno decisivo.

Nessun dubbio, invece, su Vina che giocherà sulla fascia con Calafiori in panchina. Lo Special One eclissa totalmente le domande sulla Juventus, lo scudetto e su Gonzalo Villar dichiarando di non essere troppo contento quando si parla di un solo giocatore in confronto ad una intera rosa disponibile.

Lo spagnolo sarà comunque importante per il tecnico portoghese, ma attualmente non è visto come un possibile titolare.

Proprio sul confronto con Allegri, lo Special One non vuole cercare paragoni riguardo loro due e gli altri allenatori con filosofie di gioco più aperte, ma magari meno vincenti. Il rapporto con il tecnico bianconero è buono e sarà un piacere per il giallorosso potersi confrontare nuovamente con un tecnico di tale livello.

Mou è consapevole che l’Allianz Stadium non gli tributerà un trattamento di favore essendo uno degli allenatori più “beccati” dal popolo bianconero, ricordando proprio che gli juventini non sono mai stati rispettosi nei suoi confronti.

Contro una squadra della Juve, conclude, servirà coraggio ma anche tanta intelligenza e esperienza. La Juventus è una squadra storicamente ostile e nonostante un inizio di campionato non felice e varie defezioni importanti, la Vecchia Signora va affrontata con assoluta concentrazione e senza dare troppi spazi.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€