Juventus-Parma 3-3, voti e pagelle: Ronaldo e Gervinho sontuosi, Khedira sfortunato, male ancora la difesa bianconera

La Juventus si fa clamorosamente rimontare in casa all’ultimo minuto, per due volte in vantaggio di due gol, contro il Parma e subisce il terzo stop del campionato.

Numeri alla mano il pari di Torino non preoccupa per la situazione in classifica, appena il terzo pari in 22 giornate di campionato, ed un vantaggio sul Napoli che torna al +9 della scorsa settimana, ma la situazione, in difesa, inizia ad essere pericolosa.

Juventus-Parma, 22° giornata di Serie A

Le assenze della BBC, per la prima volta tutti out dall’ormai lontano 2011, la cessione di Benatia e l’acquisto di Caceres, profilo esperto ma non al meglio della condizione fisica, sono tra i moti che mettono in apprensione l’ambiente bianconero in queste ore, caduto vittima, in quattro giorni, di ben 6 gol subiti.

Nella serata di ieri all’Allianz Stadium, la Juventus ritrova vigore e brillantezza nel reparto offensivo a secco pochi giorni fa contro l’Atalanta in Coppa Italia, ma pecca ancora di pigrizia e superficialità rimettendo in piedi una gara che sembrava chiusa e lasciando per strada due punti che sembravano in tasca.

Alla doppietta di Ronaldo, capocannoniere con 17 reti all’attivo, risponde un ispirato e sempre pericoloso Gervinho mentre alla rete di Rugani, che non perdona un finale di gara balbettante, segue immediato il gol di Barillà che aveva inaspettatamente riaperto i conti.

Alla fine il 3-3 è un’impresa per il Parma che impreziosisce così una stagione davvero positiva ed è un altro passo falso di una Juventus che dovrà sul serio, sul campo, imparare dai suoi errori e non solo a parole se vuole provare ad andare lontano anche in Europa.

VOTI

MIGLIORI

Ronaldo 7,5: sembrava a corto di fiato, necessitante di riposare e invece, capocannoniere, nuova doppietta in bianconero e trascinatore assoluto della squadra. Difficilmente contenibile là davanti, zittisce chiunque pensasse che nel campionato italiano le medie gol sarebbero diminuite.

Gervinho 7,5: si prende la scena al pari del fenomeno portoghese nella fredda e piovosa serata di Torino rimettendo in piedi una gara chiusa e regalando un punto prestigioso ai suoi. Un piacere riaverlo, così, nel campionato italiano, un’intuizione felice del Parma portarselo in rosa.

Khedira 7: sfortunato oltre modo con due pali ed un intervento sicuro di Sepe nei suoi tre tentativi di segnare. Nel mezzo, però, ottima prova anche dal punto di vista fisico, facendosi trovare, come poche altre volte gli era recentemente successo, un po’ ovunque nel campo con un’unica piccola svista, complice anche Cancelo, in occasione della prima rete gialloblu. 

Kucka 7: è abile a cucire il gioco tra difesa e attacco elevandosi come assist man della serata per le sue frecce offensive, un acquisto importante che dà ulteriore spessore ad una squadra già solida ed attrezzata.

Inglese 7: non trova il gol ma trova qualità nelle sue giocate mettendo costantemente in apprensione una coppia difensiva che, va detto, un po’ si mette in difficoltà e tensione da sè. Però l’attaccante azzurro conferma la sua ottima annata frutto di un feeling intenso soprattutto con Gervinho.

Barillà 6,5: il gol arricchisce una gara sufficiente nella quale ha faticato ad emergere sulla pressione costante bianconera che, dopo poco più di mezz’ora, aveva comunque più dell’80% di possesso palla, ma il merito di riaprire la gara è senz’altro suo.

PEGGIORI

Mandzukic 5,5: macchia la solita prova solida e grintosa, oltre alla ritrovata intesa positiva con Ronaldo, ributtando verso l’area una palla destinata, a pochi secondi dalla fine del match, ad essere spedita in curva. Un accenno di presunzione e superficialità che costa caro.

Biabiany 5,5: là davanti è quello che impensierisce di meno la retroguardia bianconera, incapace di sfruttare le sue doti tipiche, velocità ed abilità nell’uno contro uno. 

Iacoponi 5,5: soffre la presenza di Ronaldo riuscendo a chiudere solo in poche rare occasioni, ma d’altronde il suo compito era senz’altro quello più complesso.

Cancelo, Rugani e Caceres 5: si salva un po’ di più Spinazzola nella linea difensiva a quattro bianconera perché in fase di spinta si è fatto trovare spesso presente ed intraprendente duettando anche bene con Ronaldo, sebben qualche amnesia in copertura ci sia anche da parte sua. Gli altri tre, però, chi più chi meno, chi prima chi dopo, hanno evidenti responsabilità sulle tre reti subite, mai così tante in campionato, soprattutto in casa.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€