Juventus-Milan 0-0, Sarri: “Sorpreso dai primi 30 minuti. Inter o Napoli in finale? Importante è che ci siamo noi”

L’allenatore della Juventus Maurizio Sarri ha parlato ai microfoni della Rai dopo lo 0-0 contro il Milan che ha garantito ai bianconeri la finale di Coppa Italia dopo l’1-1 dell’andata. Il tecnico toscano è rimasto soddisfatto del primo tempo bianconero, constatando come il calo nella ripresa sia stato una logica conseguenza dello stop forzato.

E’ la Juventus la prima finalista della Coppa Italia. All’Allianz Stadium i bianconeri impattano 0-0 contro il Milan e grazie all’1-1 dell’andata approdano all’ultimo atto del torneo.

La Juventus gioca un ottimo primo tempo, approfittando anche della superiorità numerica dopo l’espulsione di Rebic e sbaglia anche un rigore con Cristiano Ronaldo che manda la palla sul palo. Nel secondo tempo i bianconeri soffrono con un Milan più energico, ma il risultato non si schioda dallo 0-0.

Soddisfatto Maurizio Sarri che ai microfoni della Rai si è detto contento ed anche un po’ sorpreso da un dominio così netto nella prima mezz’ora da parte della sua squadra: “Per quanto riguarda la squadra, sono rimasto molto sorpreso e molto soddisfatto per quello che abbiamo fatto nei primi 30 minuti, abbiamo fatto circolare la palla a grandissima velocità, avevamo un dominio sulla partita straordinario anche in parità numerica”.

Il tecnico toscano ha anche constatato come il calo sia stato naturale dopo un lungo stop, ma l’ottima mezz’ora gli lascia sensazioni positive per il futuro: ” Sono giocatori che son stati 70 giorni sul divano. Farli tornare alla completa efficenza fisica e dell’intensità non è facile. E’ stata una partita di fine luglio e non è una situazione di precampionato ma peggio. Nel precampionato i giocatori sono stati fermi 30 giorni di stop attivo mentre qui hanno fatto mesi di divano. Ci vorrà un po’ di pazienza ma la premessa della prima mezzora è importante“.

Quando segna non fa più notizia, ma quando sbaglia Cristiano Ronaldo la notizia la fa eccome. Dopo Bonucci, anche Sarri ha difeso il portoghese, stasera non al meglio, affermando come abbia sofferto il calo assieme alla squadra.

A metà secondo tempo, la Juventus ha optato per ben tre cambi considerato che adesso è consentito cambiare cinque giocatori in una partita. A questo proposito, però, Sarri ha rivelato come sia stato un suo errore e lo ha fatto a modo suo: “Lì ho fatto una ca***ta. Con queste cinque sostituzioni mi son fatto prendere dall’entusiasmo e cambiare tre giocatori cambia l’equilibrio della squadra”.

Domani la Juventus scoprirà chi tra Napoli ed Inter affronterà nell’atto finale a Roma, ma a Sarri non importa: “L’importante in questo momento è che ci siamo andati noi”  ha dichiarato il tecnico toscano, aggiungendo scherzosamente come domani sera porterà fuori il cane anziché guardare il match.

Danilo Servadei

Informazioni sull'autore
Laureando in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Giornalista pubblicista con la passione per il calcio estero e l'amore per quello giapponese e asiatico
Tutti i post di Danilo Servadei