Juventus, dimissioni ad Marotta: “Addio dopo 9 anni per colpa di Agnelli”. Futuro tra FIGC, Napoli e Roma. Uva o Zidane per sostituirlo

Al termine della bella vittoria di ieri contro il Napoli le dichiarazioni schock di Beppe Marotta. Anche Roma e Napoli tra il suo possibile futuro.

Dopo il 3-1 conquistato dai bianconeri ai danni del Napoli all’Allianz Stadium, sono arrivate come un fulmine a ciel sereno le dichiarazioni dell’ad Beppe Marotta che, ai microfoni di Sky Sport, ha di fatto annunciato la fine del suo matrimonio con la Juventus: “Il 25 ottobre scadrà il mio mandato da amministratore delegato della Juventus. La società sta attuando una politica di rinnovamento e nella lista consiglio non comparirà il mio nome. Sono stati otto anni molto belli coronati da tanti successi e la Juventus rimarrà sempre nel mio cuore“.

Beppe Marotta (Fonte immagine: Twitter)

Beppe Marotta dice dunque addio alla Vecchia Signora. Arrivato 8 stagioni fa, ha dapprima ricoperto l’incarico di direttore generale e poi quello di amministratore delegato. Una separazione – quella dal club torinese – consensuale e nata da una mancanza di sintonia con il presidente Andrea Agnelli. Smentita pubblicamente dallo stesso Marotta l’ipotesi che l’investimento di Cr7 sarebbe la causa di questa ormai conclamata divergenza. Piuttosto da discordanze di pareri ormai insanabili scoppiate nelle ultime settimane tra il Presidente bianconero e lo stesso Marotta.

E ora si guarda al futuro. Prima a quello dell’ormai ex ad bianconero che ha categoricamente smentito (almeno per ora) un futuro in FIGC: “Smentisco categoricamente. Al momento è un’esperienza che non mi tocca, non sarò candidato“. Più probabile invece che l’immediato futuro di Marotta sia proprio a sfidare quella che ormai è la sua ex squadra. Con Napoli e Roma alla finestra. 

In particolare, l’indiscrezione che sta circolando nelle ultime ore è quella di un Napoli che ci starebbe fortemente provando per portarlo sotto l’ombra del Vesuvio alla corte di Ancelotti. A ribadirlo è il Corriere della Sera, che parla di un incontro già avvenuto con alcuni dirigenti del Napoli che avrebbero appunto discusso di questa eventualità. Tra le squadre in pressing sul 61enne dirigente ci sarebbe, però, anche la Roma.

E a dar manforte a questa ipotesi l’addio di Gandini e un ruolo di ad che al momento risulta scoperto. Il corteggiamento della società giallorossa, che vorrebbe rafforzare il suo managment con una figura di spessore, starebbe andando avanti da settimane ma, come ha dichiarato lo stesso Marotta, ci vorrà ancora qualche giorno per decidere il suo futuro.

Secondo quanto riportato da La Gazzetta dello Sport, il restayling attuato dalla Vecchia Signora coinvolgerà anche l’altro ad Aldo Mazzia, che si occupava principalmente della parte finanziaria. Per sostituire entrambi, almeno provvisoriamente, verrà presa una soluzione interna: Nedved sarà maggiormente coinvolto nell’area amministrativa e Paratici in quella sportiva. 

Per il futuro a lungo termine si parla invece già di due candidati su tutti: Michele Uva, dirigente della FIGC e Zinedine Zidane. A riportalo è il quotidiano torinese Tuttosport, secondo il quale non sarebbe da scartare nemmeno l’potesi Giovanni Carnevali del Sassuolo. Secondo La Gazzetta invece, non è da escludere che il dopo Marotta venga colmato da un uomo legato direttamente alla FIAT ed esterno al mondo del calcio.

 

 

 

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

15€ Bonus Benvenuto Scommesse al Deposito

Fastbet

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Veronica Martella

Informazioni sull'autore
Pugliese, una laurea in storia dell'arte e tanta passione per il calcio e la Roma in particolare. Amo le cose belle e semplici della vita e non sopporto l'arroganza, l'intolleranza e chi non si emoziona mai per nulla.
Tutti i post di Veronica Martella