Inter – Spal 2-1, voti e pagelle: Lautaro bomber, male Vecino e Gagliardini

L’Inter batte 2-1 la SPAL grazie a una doppietta di Lautaro Martinez nel primo tempo e guadagna la vetta della classifica. Inutile la rete ospite di Valoti nela ripresa che dimezza lo svantaggio. Inter a quota 37 punti, a +1 sulla Juventus seconda. 

L’Inter approfitta del mezzo passo falso nell’anticipo di mezzogiorno della Juventus, bloccata sul pari dal Sassuolo e batte 2-1 a San Siro la SPAL conquistando il primo posto. Ancora decisivo Lautaro Martinez che con una doppietta nel primo tempo stende gli uomini di Semplici. Ottima prima frazione dei nerazzurri che indirizzano il match, ma che si rilassano nella ripresa e subiscono la rete di Valoti e rischiano più del dovuto in una partita giocata quasi totalmente in controllo. 

Nei primi 45 minuti l’Inter approccia bene il match con un buon ritmo e schiacciando una SPAL molto timida e che si rintana nella propria meta campo. I meccanisimi del modulo nerazzurro danno buoni frutti, soprattutto sull’esterno destro, dove Candreva è tra i più ispirati dei suoi, più altalenante nelle due fasi Lazaro spostato sul lato sinistro.

Manca però l’apporto del centrocampo, con il solo Brozovic a dettare tempo e recuperare palloni, ma mai supportato dagli evanescenti Gagliardini e Vecino, poco propositivi in avanti e poco impegnati in fase di ripiego. La qualità e la tecnica della manovra  nerazzurra ne risente, così che l’11 di Conte ripiega quasi esclusivamente su giocate laterali e poche volte passando da una fluidità in mezzo. 

Inter – Spal – Lautaro Martinez

Da una di queste situazioni, da un recupero palla di Brozovic a metà campo nasce il vantaggio di Martinez, abile a scoccare un destro rasoterra che batte Berisha al 16°. Prima della fine del tempo, un bell’assist da azione di fascia di Canderva serve il 2-0 di Martinez che di testa supera nuovamente Berisha. 

Nella ripresa, con una SPAL totalmente innocua nella prima frazione l’Inter si rilassa troppo e ha un abbassamento di concentrazione fin troppo vistoso. I ferraresi alzano il ritmo e al 50° trovano la rete che dimezza lo svantaggio con Valoti, bravo in area con un diagonale destro che fulmina Handanovic.

L’Inter va in sofferenza fisica e mentale, ma resiste anche se potenzialmente rischia a non chiuderla, con Lautaro che si divora il 3-1 davanti alla porta. Con qualche patema e “fortuna” vista la quasi inconsistenza offensiva degli ospiti tolto il gol, l’Inter compie il sorpasso sulla Juventus, in una partita che ha mostrato ancora pregi (organizzazione del modulo e applicazione di alcuni giocatori ) e difetti (deficit di qualità e calo mentale).  

VOTI E PAGELLE

Lautaro Martinez, 7.5: dopo la doppietta di Praga si ripete anche in campionato con un primo tempo notevole. Vantaggio con un rasoterra destro fulmineo, poi colpo di testa da bomber vero. Sempre più in crescita anche se nella ripresa si mangia un gol fatto. 

Lukaku, 7: dopo la bella prestazione in Champions, l’attaccante belga quest volta non va a segno nè fa assist ma compie un lavoro di protezione palla e di avanzamento della squadra preziosissimo. Crea spazi e lotta coi centrali spallini, creando le condizioni per la gran prova di Lautaro. 

Vecino, 5: rimane in campo tutti e 90 i minuti ma è tra gli invisibili dell’11 nerazzurro. Poco utile in fase di ripiego (nel primo tempo la SPAL è assente, nel secondo non argina i pochi pericoli), ma è soprattutto evanescente negli inserimenti, tanto che l’Inter non riesce mai a sviluppare la manovra con le due mezzali. Stessa valutazione per Gagliardini (5), autore della stessa pretazione anonima.        

 

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Riccardo Tanco

Informazioni sull'autore
Classe 1993, abito nella provincia di Milano. Tifoso dell'Inter. Giocatore preferito: Adriano
Tutti i post di Riccardo Tanco