Inter-Milan 4-2, dichiarazioni post-partita Pioli: “I gol subiti su nostre disattenzioni, ci hanno tagliato testa e gambe. Dispiace”

Termina 4-2 per l’Inter il derby, contro il Milan, valido per la ventitreesima giornata del campionato di Serie A. Per i nerazzurri decisive le reti in rimonta di Brozovic, Vecino, de Vrij e Lukaku. Al Milan non basta il doppio vantaggio firmato Rebic-Ibrahimovic.

Uno Stefano Pioli molto amareggiato ha così analizzato il match nel post-partita: “Sono davvero raccapricciato per il risultato che siamo riusciti ad ottenere. Abbiamo perso la gara su quei due episodi ad inizio secondo tempo, che ci hanno intimorito. La cosa che più mi da fastidio è che entrambi i gol siano arrivati da situazione provate e riprovate in allenamento. Disattenzioni del genere, contro squadre di questo calibro, si pagano.”

Stefano Pioli, 54 anni, allenatore del Milan

Tanta sfortuna: “Oltre ai nostri già appurati errori, contro di noi, si è anche messo il fato. Il palo di Ibra all’ultimo ne è l’esempio plateale. Se uno leggesse solamente il risultato del secondo tempo penserebbe che l’Inter ci abbia preso a pallate, ma non è affatto così”.

Passi in avanti e passi indietro: “Sotto l’aspetto del gioco abbiamo fatto di gran lunga il primo tempo migliore della nostra stagione. Nella seconda frazione, invece, ci siamo abbassati un po’ troppo. È anche un po’ normale calare i ritmi di gioco forsennati dei primi 45’, il problema è legato solamente ai gol evitabilissimi che abbiamo subito. Senza quegli episodi avremmo continuato a vedere una partita nella quale i circa 20 punti di distacco tra l’Inter e noi nemmeno si sarebbero notati”.

Orazio Redi

Informazioni sull'autore
Giornalista pubblicista, laureato in Scienze della comunicazione. Amante, sin da piccolo, di calcio e analisi dei linguaggi giornalistici. La citazione, che definisce perfettamente la mia ambizione, è questa qui di Steve Jobs: "L'unico modo per poter fare un ottimo lavoro sta nell'amare ciò che si fa. Il segreto è non accontentarsi mai e inseguire fino alla fine i propri sogni".
Tutti i post di Orazio Redi