Inter-Juventus, Pirlo: “A San Siro per fare la nostra partita. Pressione? Siamo la Juventus, è normale averla più degli altri”

L’allenatore della Juventus Andrea Pirlo ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del Derby d’Italia contro l’Inter. Il tecnico bianconero si aspetta personalità da parte dei propri giocatori per conquistare una vittoria pesante.

Domani alle ore 20:45 la Juventus sarà impegnata a San Siro per il Derby d’Italia numero 238 contro i rivali di sempre dell’Inter.

I bianconeri vengono da tre vittorie consecutive e non vogliono e non possono fermarsi se vogliono continuare la rincorsa allo scudetto. I nerazzurri, invece, hanno subito due brusche frenate negli ultimi due turni e vogliono riscattarsi in una partita importante come questa per restare attaccati al Milan.

Quella di domani sarà sicuramente una partita molto equilibrata tra due squadre forti e che si rispettano. Si aspetta una partita così anche Andrea Pirlo che quest’oggi in conferenza stampa ha affermato come la sua squadra dovrà avere la voglia di comandare il gioco: “Mi aspetto un’Inter inizialmente aggressiva che vorrà dare ritmo a questa gara, però noi ci siamo preparati anche per questo non dovremo aver paura di andare a San Siro e fare la partita, perché siamo la Juventus quindi è giusto in una gara così importante a dare impronta a quello che stiamo preparando e che abbiamo fatto in questi giorni”.

A domanda su se firmerebbe per il pareggio, Pirlo ha fatto capire chiaramente come del pareggio se ne fa poco. L’allenatore bianconero ha dichiarato che la Juventus lotterà per vincere e lo farà senza remore: Non si parte mai per cercare di giocare per un pari, quindi noi andremo a San Siro per cercare di vincere la partita. Come ho detto l’altra volta è una partita importante, ma non fondamentale per la corsa al campionato, quindi dobbiamo giocarcela a viso aperto con le nostre carte sapendo della forza dell’Inter, perché è una grande squadra e l’ha dimostrato sia l’anno scorso che quest’anno con l’arrivo di mister Conte. Non dovremo aver paura e andremo a giocare la nostra partita per provare a portare a casa i tre punti”.

Sull’altra panchina siederà Antonio Conte, con il quale Pirlo ha vinto tanto alla Juventus. Pirlo ha riconosciuto come sia stato Conte a spingerlo a studiare da allenatore e gli è grato, ma ha anche affermato come sarà un avversario domani e lui farà di tutto per vincere. Il tecnico salentino ha spostato la pressione proprio sui bianconeri, ma per Pirlo non è un problema: “A lui piace questo, però lo conosco bene cerca di togliere la pressione sui suoi per metterla noi, ma noi non abbiamo problemi, siamo la Juventus e vinciamo da nove anni ed è normale avere la pressione più degli altri. Loro sono stati costruiti per cercare di vincere e domani sarà una partita tra due grandi squadre che hanno le stesse ambizioni”.

Una vittoria in una sfida così darebbe molto morale alla Juventus che dopo aver battuto la capolista, batterebbe anche la seconda in classifica. Lo stesso Pirlo ha affermato come possa dare una spinta importante, pur ribadendo come non sia uno snodo cruciale per il titolo: Una spinta importante perché è una partita che è la storia del calcio e va oltre i tre punti, c’è una storia dietro queste squadre non è importante solo per i tre punti ma anche per tutto il resto c’è grande attenzione e grande concentrazione perché abbiamo l’opportunità di confrontarci contro una grande squadra e grandi campioni. Noi abbiamo cercato di mettere giocatori anche per il futuro, mentre loro hanno preso giocatori per il presente e quindi abbiamo due filosofie diverse. Sono due squadre che lotteranno fino alla fine e domani non è fondamentale ma importante“.

Per Pirlo la differenza domani starà nello sfruttare il minimo errore dell’avversario e sarà una partita giocata su ogni minimo dettaglio. Domani il tecnico bianconero non potrà contare su De Ligt, ancora alle prese con il Covid, ma ha ritrovato sia Chiellini che McKennie, con il texano che potrebbe anche partire titolare. Pirlo, però, non pensa alle assenze: “Per noi De Ligt è un giocatore importante, ma ricordiamoci che abbiamo campioni come Bonucci, Chiellini, Demiral e Danilo, quindi alle assenze mettiamo in campo giocatori di grande spessore e grandi campioni che sono a questo livello da tanti anni. Avremmo fatto a meno di questa assenza, però non abbiamo paura anzi ci sentiamo ancora più forti con il rientro di Chiellini e Bonucci”

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SISAL

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Danilo Servadei

Informazioni sull'autore
Laureando in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Aspirante giornalista con la passione per il calcio estero e l'amore per quello giapponese
Tutti i post di Danilo Servadei