Gp di Francia 2018, dichiarazioni di Hamilton e Bottas dopo le qualifiche ufficiali

E’ l’ottava prova del mondiale di Formula Uno in Francia.
Lewis Hamilton si ripete anche nella sessione del venerdì pomeriggio, in quel di Le Castellet (foto da: www.formula1.com)

Sono appena terminate le qualifiche ufficiali che hanno visto ristabilire le gerarchie in vigore da ormai quattro anni. Le Mercedes davanti a tutti, con Hamilton in prima posizione, il suo compagno di squadra Bottas secondo.

Subito dietro, in seconda fila, la Ferrari di Vettel, mentre quella di Raikkonen è più indietro sesta. Fra i due ferraristi s’insinuano i due della Red Bull, con il giovane Verstappen davanti a Ricciardo.

Questo dominio è confermato dalle parole di Hamilton subito dopo le qualifiche. Innanzitutto ha voluto soffermarsi sulle condizioni atmosferiche, visot che nei turni precedenti non sono state ottimali. Poi addentrandosi nello specifico ha voluto chiarire come le tre sessioni di qualifica siano state particolarmente differenti. Infatti la Q3 non si è dimostrata particolarmente spettacolare, forse perché i piloti aveva bisogno di capire meglio il tracciato, non avendolo calcato prima d’ora. 

E’ proprio questa la novità di questo Gp di Francia, un circuito difficile da un punto di vista tecnico, con diversi tornanti che sbucano improvvisamente dai rettilinei. Non è facile capire come impostare le curve, i piloti devono prendere confidenza con le sue insidie.

In compenso ha voluto chiarire come la situazione nelle sessioni successive sia migliorata. La Q1 e la Q2 sono state più interessanti, con più lotta e utilizzo della macchina a livelli più elevati. Infine, un parere sul pubblico francese e sul luogo della corsa, molto bello e intrigante.

Il sorriso (tirato a dir la verità) di Valtteri Bottas sul podio di Montreal, dove ha chiuso al 2° posto (foto da: twitter.com/MercedesAMGF1)

Il suo compagno di squadra Bottas, invece, ha voluto sottolineare come la sua prestazione non sia stata delle migliori. Questo non significa che si possa migliorare, la perfezione è ancora lontana da raggiungere. Non ha nascosto come il motore abbia dato delle buone sensazioni, per la sua freschezza e potenza, ma è stato molto faticoso recuperare il terreno perso all’inizio delle qualifiche.

 

Lorenzo Carrega

Informazioni sull'autore
Giornalista Pubblicista. Esperienze in ambito giornalistico locale, non solo di sport, ma anche di cultura e tempo libero. La scrittura è la mia passione
Tutti i post di Lorenzo Carrega