F1 2018, Gp del Messico, dichiarazioni di Hamilton e Bottas dopo le prove libere.

E’ terminata la prima giornata dedicata alle prove libere del gp del Messico.

Per la Mercedes non è stata una giornata da ricordare, con un 7° posto per Hamilton e 9° per Bottas. Considerando che le due Red Bull sono riuscite ad arrivare prime, il pilota inglese le vede già troppo lontano per aspirare a qualcosa di buono, sono in pratica fuori dalla loro portata. 

Hamilton fa degli esercizi fisici.
Fonte: Twitter Hamilton

Nonostante ciò le sue parole sono piuttosto ottimistiche, con un’attenzione particolare a ciò che non è andato bene e va migliorato per domani e domenica:

“La macchina andava bene in alcuni punti, ma non in altri. Ci sono molte cose che possiamo migliorare: siamo ancora piuttosto veloci sui rettilinei, ma non c’è molta aderenza nelle curve. Abbiamo un po’ di tempo per trovare delle risposte, ma la Red Bull al momento sembra fuori dalla nostra portata. Siamo qui per vincere, quindi faremo del nostro meglio”.

Bottas durante le prove libere del gran premio del Messico.
Fonte: Twitter Bottas.

Il suo compagno di squadra Bottas ha confermato in pieno la tesi del pilota inglese, con diversi problemi evidenziati sulla vettura in Messico, tra cui il continuo scivolamento. Da non sottovalutare, inoltre, la gestione delle gomme, aspetto fondamentale per poter sperare di uscirecon un risultato positivo:

“È stata una giornata difficile, abbiamo pagato sul passo e le gomme saranno veramente difficili da gestire a giudicare dal degrado che abbiamo riscontrato in queste prime due sessioni di prove libere. Al momento non abbiamo una risposta chiara da darci per tutti questi problemi, sappiamo solo che la macchina scivolava tantissimo. Sono sicuro, però, che troveremo le soluzioni giuste e che potremo essere competitivi”.

 

 

 

Lorenzo Carrega

Informazioni sull'autore
Giornalista Pubblicista. Esperienze in ambito giornalistico locale, non solo di sport, ma anche di cultura e tempo libero. La scrittura è la mia passione
Tutti i post di Lorenzo Carrega