Genoa-Napoli, conferenza pre-partita Ancelotti: “Il gesto di Mourinho non era per niente offensivo”

Un Carlo Ancelotti molto motivato quello che si è presentato alla consueta conferenza stampa pre-partita. Diversi i temi analizzati dal tecnico: dall’analisi del match contro il Genoa e le novità di formazione, fino ad appoggiare il gesto di Mourinho allo stadium. 

“Affrontiamo una squadra insidiosa, che viene da un periodo difficile e che quindi sarà molto motivata. Mi fido dei miei, ma ho bisogno di una prova di maturità da parte loro. Dovranno mantenere l’asticella dell’attenzione al massimo così come hanno fatto col Psg”. Sulla formazione previste novità, ma il tecnico non fa anticipazioni: “Posso solo dirvi che terrò molto conto del fattore fisico, in quel che credo sarà un match molto duro. Mertens intanto è pienamente recuperato.” 

ancelotti napoli

Nessun’aspettativa né voglia di ricevere regali da parte del Milan – impegnato contro la Juventus – per Ancelotti, almeno a parole: “Guarderò la partita da appassionato di calcio come amo fare. Noi dobbiamo solo pensare a noi stessi e migliorarci sotto l’aspetto delle conclusioni e nella lettura della partita.” Immancabile, infine, il plauso del tecnico per José Mourinho, visti gli insulti ricevuti anch’egli allo Stadium: “C’è un problema culturale e non mi riferisco solo ai tifosi della Juventus. Lo sport dovrebbe essere vissuto con maggiore responsabilità e semplicità. La reazione di Mourinho ci sta tutta, non è semplice per nessuno ricevere insulti per 180’. Tra l’altro non ha fatto neanche gesti volgari o offensivi, il suo era un gesto ironico e non pesante.” 

Orazio Redi

Informazioni sull'autore
Giornalista pubblicista, laureato in Scienze della comunicazione. Amante, sin da piccolo, di calcio e analisi dei linguaggi giornalistici. La citazione, che definisce perfettamente la mia ambizione, è questa qui di Steve Jobs: "L'unico modo per poter fare un ottimo lavoro sta nell'amare ciò che si fa. Il segreto è non accontentarsi mai e inseguire fino alla fine i propri sogni".
Tutti i post di Orazio Redi