FORMULA 1 | Tutti in viaggio verso la Malesia

La pagoda del circuito di Sepang

Secondo impegno nel giro di una settimana per i piloti di Formula 1. Dopo l’esordio in Australia, che ha visto il trionfo di Button e della sua McLaren, il circus si sta spostando in queste ore verso la vicina Malesia, dove domenica si correrà il secondo gran premio stagionale. Tra voglia di riscatto immediato e ambizioni di conferme, sulla pista di Sepang le monoposto daranno vita ad un nuovo capitolo di un mondiale che si è proposto sin dalla prima gara come molto incerto e, apparentemente, senza un padrone netto e delineato.

Un appuntamento, quello malese, ben visto soprattutto dalla Ferrari, una delle scuderie maggiormente deluse dall’appuntamento australiano e che sarà chiamata ad un pronto riscatto. Concentratissimo Fernando Alonso: lo spagnolo, quinto a Melbourne, è apparso come una delle poche note lieti del difficile esordio stagionale della Rossa, con quella posizione artigliata dopo un un turno di qualifiche complicato. L’asturiano è già arrivato a Kuala Lumpur, sede del GP, per cominciare ad abituarsi al clima torrido, caratterizzato da un altissimo grado di umidità, che attenderà piloti e addetti ai lavori.

Non esistono delle ricette magiche per arrivare a Sepang e non soffrire il caldo la vera preparazione deve cominciare almeno un mese prima, cercando di fare attività aerobica in condizioni climatiche quanto più vicine possibile a quelle della Malesia e in un orario coincidente con quello della gara, anche per adeguare il metabolismo del corpo a questo tipo di sforzo. Noi siamo già arrivati per acclimatarci subito a temperature più elevate di quelle di Melbourne ma, soprattutto, ad un tasso d’umidità che spesso è più del doppio di quello australiano“, spiega Edoardo Bendinelli, il preparatore atletico di Alonso che accompagna il pilota in Malesia.

In cerca di conferme, invece, la McLaren. La scuderia inglese ha mostrato sul circuito dell'”Albert Park” un gran potenziale, come messo in evidenza dalla pole position di Lewis Hamilton al sabato e dalla superba vittoria in gara di Jenson Button, sempre più a suo agio nell’abitacolo della vettura di un team che lo aveva ingaggiato come seconda guida, ma che ha ampiamente dimostrato di essere alla pari col più considerato Lewis. Premiata al momento la scelta anticonvenzionale di non disegnare la monoposto inglese con quell’antiestetico scalino sulla parte anteriore dell’auto che dovrebbe garantire maggiori prestazioni dal punto di vista aerodinamico.

Voglia di rivalsa immediata, infine, anche per i piloti della Red Bull campione del mondo in carica. Chris Horner, team principal della scuderia anglo-austriaca ha chiesto di migliorare le prestazioni e tributo il giusto plauso alla McLaren: ” Sappiamo dove dobbiamo migliorare. Penso che la Malesia ha prospettive ben diverse da qui. Ecco giri corti, è irregolare, non ci sono un sacco di curve ad alta velocità. La Malesia offre anche la varietà, sarà interessante da vedere. Ci aspettiamo di vedere una McLaren veloce in Malesia, ma spero di essere in una forma migliore lì rispetto a come siamo stati qui in qualifica”. 

Michele Pannozzo

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus