Foggia, arrestato Sanella per riciclaggio: società potrebbe essere commissariata

Tempi duri per il Foggia. Dopo la tanto attesa promozione in Serie B  e un campionato altalenante che lo vede implicato nella lotta per non retrocedere, arriva una notizia che potrebbe abbattersi sulla società rossonera come un macigno: il presidente Sanella è stato arrestato per riciclaggio e la sanzione più probabile (se fosse confermata la notizia) potrebbe essere il commissariamento della società. 

L’operazione è stata condotta dalla DDA (Direzione Distrettuale Antimafia) che ha perquisito abitazioni e uffici del presidente Sanella, del fratello e della società pugliese. In ballo ci sono 2 milioni di euro provenienti da attività illecite, 1 milione e 600 mila euro tracciati e circa 400 mila euro consegnati a Sanella in denaro contante. 

Fedele Sanella, che attualmente è rinchiuso nel carcere di San Vittore a Milano, ha risposto a tutte le domande del magistrato e dagli ambienti foggiani circola un cauto ottimismo perché al momento del passaggio di denaro Curci non deteneva più alcuna partecipazione del Foggia Calcio, uno dei fattori determinanti per la carcerazione dell’attuale presidente.

Fonte immagine: Foggiatoday.it

Il legale di Sanella, Gianluca Bocchino, ha dichiarato a Telefoggia che il presidente è tranquillo ed è sicuro che la giustizia farà il suo corso:«Abbiamo fornito tutti i chiarimenti necessari, Fedele Sanella ha mostrato grande serenità rispondendo a tutte le domande del magistrato. Al Gip abbiamo evidenziato anche che Massimo Curci non ha più alcuna partecipazione all’interno del Foggia Calcio, essendo fuori dal club ancor prima della misura che lo ha attinto».

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€