Ufficiale, niente Istanbul: finale Champions League 2020-2021 al Dragao di Porto con 12 Mila tifosi

Cambia la location per la sfida di Champions League tra Manchester City e Chelsea. La UEFA, infatti, ha comunicato che la finale non si giocherà più a Istanbul ma in Portogallo. Inoltre, ad assistere il match, ritorneranno i tifosi ad occupare le gradinate. Saranno previsti circa 12mila supporters.

Adesso è ufficiale. Cambia completamente il luogo della sfida più attesa di tutt’Europa e del mondo. La finale di Champions League tutta inglese tra Manchester City e Chelsea si giocherà altrove. Non più allo Stadio Olimpico Ataturk di Istanbul ma al Do Dragão di Porto. La decisione è stata ufficializzata in seguito al lockdown di tre settimane che il governo turco ha ufficializzato.

Questo avrebbe impossibilitato di giocare il match del 29 maggio in Turchia, compromettendo la possibilità di vedere anche i tifosi. Per questo motivo che la UEFA ha visto come necessario il cambiamento del luogo per poter disputare la partita in maniera sicura.

Finale Champions League, ritornano i tifosi

A complicare ancora di più la scelta verso la capitale turca erano le restrizioni attuate dall’Inghilterra. Infatti, proprio il Regno Unito avrebbe inserito la Turchia nella lista nera per l’alto tasso di positività, proibendone ogni tipo di sposamento. Questo avrebbe reso difficile la partenza delle due squadre. Oltre al cambiamento, c’è anche una notizia molto positiva.

Ritorneranno i tifosi ad occupare i posti allo stadio. Ad ufficializzarlo è il presidente dell’Uefa, Aleskander Ceferin, che ha ritenuto necessario, e doveroso, riaprire gli stadi. Dopo la sofferenza di circa un anno con gli stadi chiusi, adesso era giunta l’ora di aprire le porte ai tifosi. Era giusto, quindi, iniziare proprio dalla finale di Champions League che è sempre stato uno dei spettacoli più straordinari di sempre.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Cesare Tartaglione

Informazioni sull'autore
"Non c'è altro posto al mondo dove l'uomo è più felice che in uno stadio di calcio" Classe 96. Nutro una vera venerazione per il calcio e una profonda passione per la scrittura e la libertà di espressione. Insegnante e divoratore di libri. Open minded.
Tutti i post di Cesare Tartaglione