Ferrari Caputi: prima direttrice di gara in serie A, le verrà affidato il fischietto di Sassuolo-Salernitana

Ferrari Caputi prima direttrice di gara donna in serie A, il fischietto livornese dirigerà Sassuolo-Salernitana

Sassuolo-Salernitana si giocherà domenica 2 ottobre alle ore 15:00 al Mapei Stadium, ma il match è già storia. A dirigere la gara, infatti, ci sarà Maria Sole Ferrari Caputi (31 anni), primo arbitro donna a debuttare nella massima serie italiana. La direttrice di gara della sezione di Livorno, stando a quanto riportato dalla testata Transfermarket, avrebbe già collezionato la direzione di ben 150 partite.

Era solo questione di tempo prima che il fischietto livornese potesse emergere in serie A, di fatto la direzione di partite di squadre di serie A vi era già stata prima, ma soltanto in match di coppa Italia: il Cagliari (nel dicembre del 2021) e poi Sampdoria nel primo turno di quest’anno della competizione contro la Reggiana. Il presidente dell’AIAAlfredo Trentalange” ha parlato dell’evento: “Quello delle direttrici di gara femminili è un grande movimento, questa persona si è guadagnata a suon di partite il diritto di essere lì domenica. Sarà una gara storica dopo ben 110 anni, è un momento di grande soddisfazione”.


L’esordio di Ferrari Caputi, dunque, potrebbe essere un vero e proprio trampolino di lancio per molte altre direttrici di gara donne. Anche il designatore arbitrale Stefano Rocchi si è espresso in merito: “Ferrari Caputi ha tante qualità, starà a lei dimostrare di meritarsi la serie A, lei è entrata nel settore come un arbitro qualsiasi e cosi è stata trattata dagli altri ragazzi, non mi resta che augurarle un in bocca a lupo”.
Parole molto chiare quelle di Rocchi, che tendono ad abbattere qualsiasi tipo di diseguaglianza di sesso e, di fatto, porgono la sezione femminile arbitrale sullo stesso piano di quella maschile.

Luigi Mango

Informazioni sull'autore
“L'ossessione batte il talento, sempre”. Laureato in Beni Culturali. Appassionato di cultura, scrittura e calcio.
Tutti i post di Luigi Mango