F1, svelato il calendario della stagione 2022

Il prossimo anno il Circus affronterà il numero record di 23 appuntamenti. Debutta Miami, mentre tornano Australia, Canada, Singapore e Giappone. Confermata Imola

La Formula 1 ha pubblicato il calendario per la stagione 2022, la 73.esima della storia. Con la presenza di ben 23 eventi in programma (record all-time), la prossima stagione comincerà il 20 marzo in Bahrain, per poi concludersi il 20 novembre ad Abu Dhabi.

Quattro i continenti toccati, con l’Europa che ospiterà 12 gare, l’Asia e le Americhe 5, l’Oceania 1. Italia e Stati Uniti saranno gli unici Paesi che vanteranno più di una gara sul proprio suolo. Inoltre, i back-to-back saranno 7; i triple-header, invece, 2. Scendiamo più nel dettaglio.

Come detto in apertura, il campionato comincerà in Medio Oriente, con un back-to-back: primo semaforo verde al Sakhir, in Bahrain (18-20 marzo), per poi spostarsi a Jeddah, in Arabia Saudita (25-27 marzo). Il GP d’Australia a Melbourne, solitamente prova d’apertura, sarà il 3° appuntamento (8-10 aprile), tornando in calendario dopo due cancellazioni causa COVID-19.

Il primo appuntamento su suolo europeo sarà ad Imola, per il GP dell’Emilia Romagna (22-24 aprile), sebbene l’ufficialità della presenza in calendario (fino al 2025) dev’essere ancora resa pubblica. Paradossalmente, dopo Imola il Circus farà una toccata e fuga negli States, con la novità 2022, ovvero il GP di Miami (6-8 maggio), per poi far ritorno nel Vecchio Continente, con il back-to-back formato dal GP di Spagna al Montmelò (20-22 maggio) e dal GP di Monaco (27-29 maggio).

Giugno vedrà un unico back-to-back, composto dal GP d’Azerbaijan a Baku (10-12 giugno) e dal GP del Canada a Montreal (17-19 giugno). Segue un luglio davvero caldo, con ben 4 appuntamenti (e 2 back-to-back): GP di Gran Bretagna, Silverstone (1-3 luglio); GP d’Austria, Red Bull Ring (8-10 luglio); GP di Francia, Le Castellet (22-24 luglio); GP d’Ungheria, Budapest (29-31 luglio).

Dopo una pausa estiva di tre settimane, si tornerà in pista con il primo triple-header: GP del Belgio, a Spa-Francorchamps (26-28 agosto); GP d’Olanda, a Zandvoort (2-4 settembre); GP d’Italia, a Monza (9-11 settembre). Zero respiro in questa fase, dato che, dopo una settimana di stop, si riprende con la seconda ‘tripletta’: GP di Russia, a Sochi (23-25 settembre); GP di Singapore (30 settembre-2 ottobre); GP del Giappone, a Suzuka (7-9 ottobre). Anche Singapore e Giappone tornano dopo due anni di assenza causa pandemia.

L’ultima fase di stagione vede gli ultimi due back-to-back. Il primo vedrà il GP degli Stati Uniti, al COTA di Austin (21-23 ottobre), seguito dal GP del Messico, all’Hermanos Rodriguez di Città del Messico (28-30 ottobre). Il 2022 si concluderà con il GP del Brasile, ad Interlagos (11-13 novembre), che farà coppia con il GP di Abu Dhabi, a Yas Marina (18-20 novembre).

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo