F1, Martini saluta la Williams a fine stagione

Una notizia a sorpresa ha scosso il paddock della Formula 1, impegnato a Barcellona nella seconda giornata di test invernali. A fine stagione, infatti, la Williams dovrà dire addio alla sponsorizzazione Martini sulla livrea delle sue monoposto, dato che il marchio italiano, facente parte del gruppo Bacardi, ha deciso di non rinnovare il contratto che lo legava al team inglese.

Sergey Sirotkin, al volante della Williams FW41 nella prima giornata di test 2018 a Barcellona. A fine stagione, Martini non sarà più title sponsor del team inglese (foto da: thecheckeredflag.co.uk)

Martini, che quest’anno festeggia i 50 anni di storia legati al Motorsport, era tornata nel Circus nel 2014, firmando un quinquennale che scade appunto a fine 2018. La maggior operazione commerciale del marchio in Formula 1 dai tempi della Brabham prima e della Lotus poi, nella seconda metà degli anni ’70.

Secondo quanto riportato da Autosport.com, fino a poco tempo fa Martini si trovava in una fase alquanto avanzata delle discussioni sul rinnovo con la Williams, guardandosi però attorno nel caso il tutto non fosse andato a buon fine, ovvero cercando come partner altri team. Improvvisamente, però, il board del gruppo Bacardi ha deciso di interrompere le trattative, decidendo di non finanziare più il progetto Formula 1, in quanto non più in linea con i suoi obiettivi strategici.

Questa la reazione a caldo di Claire Williams, team principal della scuderia di Grove: “Abbiamo discusso con loro di estendere il contratto che finiva quest’anno. Sia noi che loro eravamo intenzionati a firmare l’accordo, ma all’improvviso il gruppo Bacardi ha deciso che, quando scadrà il contratto con noi a fine 2018, abbandoneranno completamente la Formula 1. Hanno molti marchi da supportare e credo che le loro priorità strategiche, nel tempo, si siano evolute“.

Sulla ricerca di un nuovo title sponsor, la figlia di Sir Frank ha sottolineato come questa sarà importante ma non una ossessione, sottolineando comunque la stabilità economica del team: “Avere un partner importante a cui legarci è per noi un aspetto sicuramente importante” – continua Claire Williams – “Ma questa ricerca non costituirà una priorità assoluta nel prossimo futuro. Nonostante quello che è successo, il team rimane finanziariamente stabile“.

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo