F1 GP Sakhir 2020: Le dichiarazioni piloti dopo le libere del venerdì

Il penultimo Gran Premio di Formula 1 di questa stagione ha ufficialmente avuto inizio con le due sessioni di prove libere odierne sul circuito di Sakhir (nel Bahrain) ripensato con una nuova configurazione rispetto la settimana scorsa.

Senza ombra di dubbio, colui che ha maggiormente stupito è George Russell (proveniente dalla Williams), sostituto di Hamilton (bloccato a casa per aver contratto il Covid) in Mercedes. Il giovane pilota britannico è stato un vero e proprio razzo nelle due sessioni odierne, concluse entrambe al primo posto. Il suo compagno di scuderia ha, invece, sofferto molto. Stiamo parlando del finlandese Valtteri Bottas che dopo un quarto tempo in PL1 è sprofondato in undicesima posizione a fine giornata (anche a causa della cancellazione del suo tempo sul giro, il migliore di sessione).

Come di consueto, nonostante alcuni interpreti siano cambiati, la scuderia immediatamente alle spalle della Mercedes è la Red Bull, che anche quest’oggi riesce a portare a casa una prestazione davvero convincente.

Max Verstappen ha fatto registrare in entrambe le PL un secondo posto che lascia davvero ben sperare ed il suo compagno di squadra Alex Albon dopo aver preso possesso del gradino più basso del podio di giornata all’inizio, ha piazzato la sua monoposto in quinta posizione.

Tenendo conto della particolare configurazione del tracciato (più breve rispetto al turno precedente ma estremamente veloce in alcuni punti) si dovrebbe concludere che la Ferrari qui potrebbe davvero fare cilecca ed effettivamente, almeno per le due PL di oggi, la scuderia di Maranello non ha certo brillato sul piano delle prestazioni.

Nella prima sessione i due ferraristi portano a casa un ottavo ed un decimo posto, con il tedesco Vettel davanti al giovane Leclerc mentre nelle PL2 la prestazione non è decisamente all’altezza delle aspettative (seppur minime). In seguito ad un testacoda piuttosto sfortunato Sebastian Vettel fa registrare il sedicesimo tempo mentre il suo compagno monegasco a causa di un problema al semiasse della monoposto, dopo aver approcciato troppo duramente un cordolo, è stato costretto al rientro forzato ai box.

Vediamo cosa hanno dichiarato i protagonisti di oggi:

Mercedes

George Russell: “È stato un buon primo giorno nella W11, ma c’è sicuramente del lavoro da fare. Il nuovo tracciato è molto diverso dal solito e non è una pista facile, a prima vista. Sarà molto stretto in qualifica e probabilmente ci si può aspettare una gara drammatica a causa del molto traffico. E’ stato bello lavorare con la squadra oggi e sto imparando molto ad ogni giro che faccio in macchina. Penso che i miei tempi sul giro siano un po’ ingannevoli al momento e non la vera rappresentazione del mio ritmo.

Fonte: profilo Twitter Mercedes

Ho faticato nei giri ad alto consumo di carburante in FP2 e alla fine, in fondo, sarà fondamentale la prestazione di domenica. Le Red Bull sono state veloci sulle lunghe percorrenze e Valtteri è stato il più veloce in FP2 ma ha fatto cancellare il suo tempo sul giro. C’è ancora molto lavoro da fare per mettersi a proprio agio in macchina e con l’assetto. Ma è stata una prima giornata incoraggiante e sono contento di tornare in W11 domani”.

Valtteri Bottas: “È stata una giornata difficile per me. Sono andato oltre i cordoli della curva 8 nella mia prima corsa in FP1, rompendo un pezzo fondale della vettura, quindi il resto della sessione è stato un po’ uno spreco. La FP2 andava bene, ma ovviamente non ho fatto nessun giro con la gomma morbida, perché il mio unico giro decente è stato cancellato a causa dei limiti della pista. Quindi, non è stata la giornata migliore, ma le corse lunghe sono state abbastanza consistenti. La Red Bull sembra davvero competitiva su quei long-run, in particolare con la gomma Medium, e anche George stava facendo dei buoni giri. C’è un bel po’ di lavoro da fare per mettere tutto insieme per le qualifiche. Il nuovo tratto di pista è molto tecnico e sconnesso, quindi è abbastanza impegnativo ed è facile perdere un decimo. Su una pista così corta, in qualifica potrebbe fare la differenza. Sarà intenso anche con tante vetture in pista, quindi sarà molto importante fare dei giri puliti e dare priorità ai distacchi”.

Red Bull

Max Verstappen: “E ‘stato difficile là fuori e dal punto di vista del bilanciamento non abbiamo ancora trovato il set-up ottimale, soprattutto sulle brevi distanze. Sui long run ci sono stati decisamente dei miglioramenti ma anche lì possiamo fare di meglio. La pista non è delle più entusiasmanti da guidare e poiché si tratta di un giro così breve la radio è costantemente aperta con avvisi sul traffico di altre auto. Il secondo settore è piuttosto cieco in molte curve e non sarà facile quando avremo bisogno di raffreddare le gomme prima di fare un secondo giro di spinta e penso che potrebbe essere piuttosto pericoloso.

Fonte: profilo Twitter Red Bull

“Non sappiamo mai esattamente dove siamo un venerdì, ma il giro di Valtteri è stato cancellato quindi sembra che siamo ad un paio di decimi dalla Mercedes. Abbiamo un po’ di lavoro da fare prima delle qualifiche e poi ci concentreremo sul ritmo di gara per poter essere ancora più competitivi,perché seguire da vicino le altre auto sarà una vera sfida da queste parti “.

Ferrari

Sebastian Vettel: “Oggi abbiamo vissuto una giornata a due facce: la prima sessione è stata ok, mentre la seconda la definirei da dimenticare. Abbiamo provato alcune regolazioni sulla macchina ma l’abbiamo resa troppo aggressiva e non era quello di cui avevamo bisogno. Spero che domani potremo colmare il gap con i nostri rivali e tornare sulla strada giusta.

La configurazione in uso questo weekend forse è un po’ troppo corta: quando ti sembra che il giro stia per iniziare è praticamente già finito… comunque direi che non ci sono problemi: la curva 4 è simile a quella della scorsa settimana anche se è un po’ più veloce perché la traiettoria è più aperta, mentre il tratto con le curve 7 e 8 è abbastanza sconnesso e si sale sui cordoli in maniera aggressiva. Questa parte è piuttosto insidiosa ma non è male da guidare.

Fonte: profilo Twitter Ferrari

Pensando alla qualifica, con venti macchine in pista, credo che il Q1 sarà assai serrato, in particolar modo per il traffico, perché abbiamo bisogno di giri di raffreddamento da percorrere molto lentamente per riportare le gomme alla temperatura corretta. Spero che saremo tutti in condizione di effettuare un giro pulito senza ostacolarci l’un l’altro. Sono convinto che pochi centesimi potranno fare una grande differenza”.           

Charles Leclerc: “Oggi è andata meglio di quanto mi aspettassi. Tutto è filato liscio fino al cedimento che si è verificato sulla mia macchina, che purtroppo è capitato proprio all’inizio della seconda sessione di libere. Speriamo in una giornata migliore domani.

La pista in questa configurazione mi è piaciuta: con così poche curve mi ha riportato in qualche modo ai tempi del karting. Credo che la gara potrebbe essere divertente. Con questi lunghi rettilinei chiunque insegua può ritrovarsi nettamente avvantaggiato.

Per quanto riguarda la qualifica, trovare lo spazio per un giro pulito è la cosa che più mi preoccupa. Specialmente in Q1 e Q2 rischia di esserci un bel po’ di confusione. All’inizio di FP2 la macchina mi dava le giuste sensazioni e quindi spero che il nostro punto di partenza in vista di domani sia buono, anche se poi questo feeling va confermato in pista con il cronometro”.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus