F1, GP d’Australia, voti e pagelle: “Leclerc dominante, Red Bull inaffidabile”

Leclerc vince dominando il Gran Premio. Verstappen nuovamente out. 2° Perez, 3° Russell.

(foto da: twitter.com)

Il trionfo totale della Ferrari.

Il Gran Premio d’Australia è stato la dimostrazione che la Rossa di Maranello (voto 10) può essere e sa essere una macchina dominante.

Leclerc vince in scioltezza il terzo round del Mondiale di F1 sfoggiando una prestazione da puro fuoriclasse al cospetto di una Red Bull (voto 4,5) che ancora una volta ha evidenziato problemi di affidabilità.

Nella sfida tra Scuderie, la Ferrari ne esce vincente e motivata proprio perché ha capito il potenziale di questa vettura.

La gara di Carlos Sainz, finita dopo poche curve, è stata figlia dell’imprecisione del pilota e non, dunque, da imputare alla vettura, mentre Leclerc ha dominato la corsa fin dal primo giro grazie all’equilibrio e la velocità che la macchina gli ha concesso.

Ci ha provato, Max Verstappen, a tenere il passo del monegasco, ma senza possibilità concrete di avvicinarsi e attaccare (se non con safety car). L’olandese sembrava destinato al secondo posto, invece la macchina lo ha nuovamente tradito appiedandolo e dandogli il secondo ritiro in tre gare.

In casa Red Bull sarà proprio questo il pensiero principale delle prossime settimane: contro un avversario così, bisogna fare in modo che la macchina sia affidabile perché altri ritiri potrebbero pesare fin troppo in classifica.

Con Verstappen e Sainz fuori dai giochi, per il podio c’è gloria per Perez e per Russell, secondo nel mondiale piloti.

Troppo presto per parlare di Mondiale e di “fuga”, ma la Ferrari, in Australia, ha trovato nuove certezze.

I voti del Gran Premio d’Australia di Formula 1

Charles LECLERC (Ferrari) 10: Un dominio assoluto quello del monegasco in Australia. In testa dal primo giro, non sbaglia una virgola e vola in una pista a lui non troppo congeniale. La macchina è perfetta e Charles si diverte talmente tanto da chiedere di poter fare il giro veloce al termine della gara… Binotto gli dice “no” e lui risponde con 5 giri veloci negli ultimi 8 giri. Completa anche il Grande Slam: pole, giro veloce e vittoria.

Sergio PEREZ (Red Bull) 7,5: Termina con una distanza siderale rispetto a Leclerc e anche il confronto con il compagno è quasi sempre impari. Doveva essere l’arma in più della Red Bull in partenza, invece si fa sorprendere dalle Mercedes. Nonostante tutto, è costante e affidabile nel portare a casa una grande seconda posizione.

George RUSSELL (Mercedes) 8: Primo podio in Mercedes e secondo posto nella classifica piloti nonostante tutte le difficoltà. Il voto cresce proprio pensando a quanto il giovane inglese stia spingendo pur sapendo che questa non è la Mercedes migliore degli ultimi anni. Fortunato con la VSC, bravo nel gestire il risultato.

Lewis HAMILTON e MERCEDES 7: Non è ancora a livello di Ferrari e Red Bull, ma la Mercedes oggi ha dato segnali sicuramente positivi. La macchina è sembrata affidabile e meno difficile da guidare e i piloti hanno gareggiato bene. Sicuramente frustrante, per Hamilton, dover cedere il podio al suo compagno di squadra, ma la sua gara è stata molto buona: la partenza ha ricordato a tutti cosa può fare “The Hammer” con il talento che si ritrova.

MCLAREN 7,5: Graditissimo ritorno ai piazzamenti alti della griglia per una McLaren che è sembrata meno “problematica” delle precedenti gare. Norris e Ricciardo compiono una gara corretta e senza particolari sbavature conquistando un quinto e sesto posto praticamente in fotocopia come tempi e passo gara. Considerando le prime due, disastrose, gare è un gran risultato.

Esteban OCON (Alpine) 7: Nel campionato delle “altre” (escludendo dunque le top 3) è il miglior pilota per punti ottenuti. La crescita del francese è esponenziale e sta dimostrando grande manico e affidabilità. Attualmente sta asfaltando un compagno come Alonso.

Valterri BOTTAS (Alfa Romeo) 7,5: Dopo 107 gran premi, fallisce la Q3 e la gara del finlandese sembrava a fari spenti. Alla fine, però, i risultati gli stanno dando ragione e salvo il problema della vettura nella seconda gara, è perennemente in zona punti con una macchina che lo scorso anno faticava a trovare anche il 15° posto.

Pierre GASLY (Alpha Tauri) 6,5: Un voto che vale più per il pilota che ha lottato per entrare in zona punti e al nono posto conclusivo, che per la macchina che sembra ancora un grande punto interrogativo. Non si tratta della peggiore vettura del lotto, ma non sembrano esserci miglioramenti. I piloti, però, stanno riuscendo a portare punti.

Alexander ALBON (Williams) 7: Voto che va esteso a tutta la squadra per una strategia a tratti impensabile, ma alla fine geniale e risolutiva. Merito anche del pilota che compie 57 giri sullo stesso set di gomme, per poi montare il nuovo set per fare un solo giro: risultato, primo punto per la Williams.

Max VERSTAPPEN (Red Bull) 8: Unico baluardo che sembra poter contrastare la Ferrari e Leclerc. Il campione del Mondo in carica, come sempre, mette in mostra una prestazione egregia nonostante (già dal sabato) non avesse trovato il feeling perfetto. Probabilmente non avrebbe ottenuto più di un secondo posto, ma la macchina lo tradisce dandogli il secondo “zero” in tre gare.

Carlos SAINZ (Ferrari) 5: Sfortunato e poco preciso. Quella bandiera rossa nel giro di qualifica ha messo k.o. le sue speranze nel weekend. Il nono posto in Q3 è figlio, però, anche del poco feeling con la macchina e di un errore. Sbaglia anche in gara dove fallisce la partenza e si innervosisce fino al ritiro finale. Peccato, si rifarà.

Fernando ALONSO (Alpine) 5: In qualifica, come il collega spagnolo, è sfortunato e impreciso. La strategia di gara, invece, è difficile da interpretare. Poteva essere quasi pole position, ma tutto si è concluso con il 17° posto.

HAAS 5: Tanti passi indietro in questa gara. Tranne la rossa di Maranello, i motorizzati Ferrari hanno faticato a trovare il passo giusto e gli americani conducono una gara incolore. Sorride leggermente di più Mick che vince il confronto con Magnussen.

ASTON MARTIN 4,5: Che disastro questa macchina. Vettel, alla sua prima stagionale dopo il Covid, non ha mai trovato la confidenza giusta per poter guidare la monoposto, mentre Stroll fa quel che può con una strategia buona che non ha portato punti proprio per l’inconsistenza della macchina.

Seguici su Telegram

Rimani aggiornato sulle ultime novità, i Pronostici Scommesse e i migliori Bonus Bookmaker.

Copyright © stadiosport.it - È vietata la riproduzione di contenuti e immagini, in qualsiasi forma.

I migliori Bookmaker

I migliori siti di Scommesse in Italia

Caratteristiche:
Bonus FreeBet 500€
fino a 500€ in FreeBet a partire dal primo deposito

Puoi giocare solo se sei maggiorenne – Il gioco può causare dipendenza

Caratteristiche:
Triplo Bonus!
5€ in Bonus Scommesse +20€ in Game Bonus

Fino a 100€ Sul Primo Deposito - Codice Bonus ITA125

William Hill si impegna a sostenere il Gioco Responsabile

Caratteristiche:
Offerta di Benvenuto
Bonus del 50% fino a 100€

Il gioco è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza patologica. Consulta le probabilità di vincita sul sito di ADM.

Caratteristiche:
Scommesse e Casinò
BONUS FINO A 1.315€

Puoi giocare solo se maggiorenne. Il gioco può causare dipendenza patologica.

Caratteristiche:
Bonus Sport
15€ FREE

+ FINO a 300€ di BONUS sul PRIMO DEPOSITO

Scopri tutti i Bookmakers
Copyright © 2011 - 2024 - stadiosport.it è un sito di proprietà di Seowebbs Srl - REA: LE 278983
P. IVA 04278590759 Testata giornalistica iscritta al Tribunale di Lecce N.12/2016
Tutti i diritti riservati. Le informazioni contenute su stadiosport.it non possono essere pubblicate, diffuse, riscritte o ridistribuite senza previa autorizzazione scritta di stadiosport.it