F1 GP Cina 2019, Risultati PL2: Bottas di un soffio su Vettel. Problemi per Leclerc

Valtteri Bottas si prende il miglior tempo nella seconda sessione di prove libere in Cina, con un 1:33.330, 27 millesimi più veloce di Sebastian Vettel, più veloce al mattino. Max Verstappen, Red Bull, occupa la 3° posizione virtuale (+0.221), mentre hanno incontrato vari intoppi nella simulazione qualifica sia Lewis Hamilton (4° a +0.707) che Charles Leclerc (7° a +0.828), con il monegasco che ha dovuto interrompere con netto anticipo la sua sessione, a causa di problemi all’impianto di raffreddamento. Entrambi i Mercedes si sono girati non appena entrati in pista.

E’ di Valtteri Bottas, Mercedes, il miglior crono delle PL2 di Shanghai (foto da: twitter.com/MercedesAMGF1)

In mezzo a Lewis e Charles si piazzano Nico Hulkenberg, Renault (+0.766), e Carlos Sainz Jr., McLaren (+0.811), con Lando Norris, al volante dell’altra monoposto di Woking, in 8° posizione (+0.966). A seguire l’altra Renault di Daniel Ricciardo (+1.006) e l’altra RB15 di un Pierre Gasly che fatica ancora (+1.125). Kimi Raikkonen, Alfa Romeo, apre la seconda metà di classifica (+1.221), davanti ad Alexander Albon, Toro Rosso (+1.304), e alle due Racing Point di Lance Stroll (+1.449) e di Sergio Perez (+1.454).

Con il 15° crono c’è la prima Haas, quella di Kevin Magnussen (+1.458), che si piazza davanti alla Toro Rosso di Daniil Kvyat (+1.836) e all’altra VF-19 di Romain Grosjean (+2.374). Sulla STR14 del russo, tra le due sessioni, è stata interamente sostituita la power unit, causa un’anomalia nei dati, mentre sulla Haas del franco-elvetico c’è stato uno strano cedimento della parte destra dell’ala anteriore. Completano la classifica Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo (+2.584), e le due Williams di Robert Kubica (+2.791) e di George Russell (+2.899). Passiamo ai giri completati dai vari piloti. In testa abbiamo Giovinazzi (39), seguito da un quintetto composto dai vai Bottas, Norris, Albon, Stroll e Kubica, tutti a quota 37. In coda, invece, troviamo Leclerc (13), Kvyat (19) e Verstappen (29).

Classifica e tempi della seconda sessione di prove libere del Gran Premio della Cina 2019 (foto da: twitter.com/F1)

Passiamo alla simulazione di passo gara. La Mercedes ha potuto provare tutte e tre le mescole, a differenza della Ferrari, nella quale manca la simulazione di Leclerc, fermatosi come detto in anticipo. Il primo stint è stato simulato da Vettel, Bottas e Verstappen su mescola soft, mentre Hamilton è partito con la media. I tempi di attacco vedono il tedesco leggermente più rapido (1:38.7), davanti a Max (1:39.1) e a Valtteri (1:39.2), mentre Lewis comincia il run in 1:38.9. Mentre Seb percorre vari giri sull’1:39, gli altri salgono rapidamente sopra l’1:40, così come Hamilton, comunque costante con i tempi.

In breve arrivano i pit-stop, con Bottas che passa alle dure, mentre Verstappen monta le Soft; Hamilton, a sua volta, segue una strategia opposta, montando le soft, andando a fare quello che sarà il giro più veloce della simulazione gara (1:37.8), racimolando poi altri passaggi in 1:38. Il giro d’attacco di Bottas con le bianche è in 1:38.5, al quale seguono altri giri consistenti, sull’1:38 alto e 1:39 molto basso; Verstappen ha bene o male lo stesso passo, pur con la gialla. Vettel, invece, dopo aver portato allo stremo la soft (20 giri, non pochi dei quali passati dietro alla Racing Point di Perez), si ferma e monta anche lui le dure. E i riscontri sono ottimi: 1:38.1 al giro d’attacco, seguito poi da un 1:38.0, 1:37.9 e 1:38.3 sotto la bandiera scacchi. In sintesi, dunque, Mercedes molto consistente, Ferrari lì anche se solo con Vettel, Verstappen non lontano.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

15€ Bonus Benvenuto Scommesse al Deposito

Fastbet

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo