F1 GP Cina 2017, Hamilton: “Per fare la pole ho dovuto fare il giro perfetto”

E’ un Lewis Hamilton raggiante, quello che si presenta ai microfoni dei giornalisti per commentare la 63.esima pole position in carriera (6° a Shanghai), che lo proietta a -2 da un mago del giro veloce del sabato, Ayrton Senna. Il pilota della Mercedes ha dovuto dare tutto se stesso per precedere Vettel e il compagno di box Bottas (rispettivamente +0.186 e +0.187), compiendo un giro che è stato un capolavoro.

Lewis Hamilton, autore della pole a Shanghai (foto da: boursedirect.fr)

Sono state qualifiche molto combattute” – esordisce Hamilton – “Le Ferrari hanno concluso davanti a noi in Q1 e Q2 e sapevo che mi sarebbe servito il giro perfetto per batterle. Il primo tentativo era già molto buono, però sapevo che c’era un margine di miglioramento e volevo sfruttarlo perché non mi fidavo. Alla fine sono stato davanti per un decimo abbondante, il che significa che ho fatto bene“.

Venerdì non abbiamo potuto lavorare; quindi siamo stati costretti a concentrare tutto stamattina, provando a cercare il bilanciamento giusto per la monoposto” – continua l’inglese – “Le Ferrari, voglio ribadirlo, si sono mostrate molto veloci e si confermano vicinissime a noi, stiamo combattendo una battaglia fantastica. Oggi siamo davanti e debbo ringraziare assolutamente il team per quanto fatto“.

Domani in gara, però, le condizioni potrebbero essere molto diverse, con la pioggia annunciata in arrivo: “Prevedo una gara sia dura che emozionante” – sottolinea Lewis – “Resta l’incognita della partenza, visto che con il nuovo sistema basta pochissimo per sbagliarla e dovremo fare molta attenzione se sarà bagnato. In più c’è il discorso che non ho mai guidato con le gomme da pioggia, per cui penso che ci attenda una delle gare più belle della stagione“.

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo