F1 GP Canada 2019, Risultati Qualifiche: prima pole stagionale per Vettel

Sebastian Vettel si aggiudica la pole del Gran Premio del Canada 2019, la prima stagionale, 56.esima in carriera. Il tedesco, con un gran giro, regala alla Scuderia la seconda pole dell’anno, ottenendo anche il record della pista di Montreal (1:10.240). In prima fila con il #5 troviamo Lewis Hamilton con la prima Mercedes (+0.206), mentre Charles Leclerc apre la seconda fila (+0.680), affiancato dalla sorpresa Daniel Ricciardo, Renault (+0.831). Pierre Gasly è la miglior Red Bull (+0.839), davanti ad un deludente Valtteri Bottas (+0.861), autore di troppi errori in Q3. Quarta fila con Nico Hulkenberg, Renault (+1.084), e Lando Norris, McLaren (+1.623), mentre Carlos Sainz Jr, McLaren (+1.623), e Kevin Magnussen, Haas, vanno in quinta fila. Il danese, però, ha sfasciato la sua VF-19 in chiusura di Q2 e probabilmente arretrerà.

Per la 56.esima volta in carriera, Sebastian Vettel partirà in pole. Il tedesco è riuscito a siglare la prima partenza al palo del suo 2019 in Canada (foto da: twitter.com/ScuderiaFerrari)

Clamorosa l’eliminazione di Max Verstappen in Q2 (11°), che paga da un lato la scelta di provare a superare il taglio con la media, e dall’altro la bandiera rossa provocata da Magnussen, che lo condanna. A seguire, con il 12° tempo c’è Daniil Kvyat (Toro Rosso), mentre in settima fila abbiamo Antonio Giovinazzi (Alfa Romeo) ed Alexander Albon (Toro Rosso); in ottava Romain Grosjean (Haas) e Sergio Perez (Racing Point). In nona fila si schiereranno Kimi Raikkonen (Alfa Romeo) e Lance Stroll (Racing Point), mentre chiuderanno lo schieramento le due Williams di George Russell e Robert Kubica.

F1 GP CANADA 2019, CRONACA Q1

Si comincia con le qualifiche canadesi. Queste le condizioni: cielo sereno o poco nuvoloso, con temperatura dell’asfalto di 47 C°, mentre l’atmosfera è sui 22 C°. I primi a scendere in pista sono Kubica e Russell, seguiti dalla Racing Point di Stroll, dalle due Alfa Romeo e dalle due Haas. Il polacco della Williams è il primo a passare sul traguardo e a far segnare il primo crono (1:16.564), battuto nettamente da Russell ed ancor più nettamente da Stroll (1:13.219). In pista anche i ferraristi, mentre attendono qualche attimo in più i piloti di Mercedes e Red Bull. Intanto Raikkonen si porta al comando, subito scavalcato però da Magnussen (1:12.710) e da Grosjean (+0.375 dal compagno di box). Norris ottiene un buon 1:12.407, che lo porta al comando; arrivano i ferraristi, con Leclerc al comando (1:11.786), mentre Vettel (1:12.339) è più lento.

Arrivano anche gli altri big, con Verstappen che s’infila tra le due SF90, a +0.232 dal monegasco; Hamilton è 3°, seguito a ruota da Bottas (a 3 millesimi dal compagno di box) e da Gasly. A metà sessione sono virtualmente out Stroll, Sainz, Russell, Kubica e Perez, ancora senza tempo. Si rilanciano i piloti Ferrari: Leclerc abbassa a 1:11.481, Vettel lo segue a 120 millesimi. Spingono anche i Red Bull e i Mercedes: Verstappen si avvicina molto alle Ferrari, con 138 millesimi di ritardo, con Gasly 4°; Hamilton si porta a 37 millesimi da Leclerc, mentre Bottas passa al comando (1:11.229). Terzo tentativo lanciato per i ferraristi, con Seb (1:11.200) davanti a Leclerc di 14 millesimi, e Valtteri a 29 millesimi. Tiratissima già la Q1.

Mentre Sainz viene messo sotto investigazione per impeding nei riguardi di Albon, rischiano le Haas e Raikkonen. Grosjean e Magnussen salgono rispettivamete in 7° e 10° posizione, con Albon ottimo 6°. S’issano anche Raikkonen e Giovinazzi, anche se è 14° e quindi ancora a rischio; molto bene anche Norris e Kvyat (rispettivamente 6° e 9°). Ultimi istanti di Q1: Sainz sale in 6° posizione, con Ricciardo in 8° e Hulkenberg a sua volta 6°; Giovinazzi elimina Perez e Raikkonen, così come sono out anche Stroll, Russell e Kubica. Salvi per poco anche i due della Haas.

F1 GP CANADA 2019, CRONACA Q2

Semaforo verde nella Q2 di Montreal, con le due Mercedes subito in pista e con gomma gialla; escono anche Giovinazzi e i due della Ferrari, anche loro con la Medium. Hamilton è il primo a transitare sul traguardo, in 1:11.336; Bottas ha commesso un errore tra curva 3 e 4. Anche Leclerc molla, mentre Vettel supera Lewis di 27 millesimi (1:11.309); il replay mostra un lungo di Charles alla chicane 8-9. Si rilancia il #77 della Mercedes, e passa a 178 millesimi dal compagno di box. Su gomma gialla anche Verstappen, 4° a +0.530, ma scavalcato da Hulkenberg e Sainz, entrambi su mescola Soft; si rilancia Leclerc, che passa al comando in 1:11.205.

Max viene superato anche da Norris e Magnussen, mentre Vettel risponde al compagno di box, scavalcandolo di 63 millesimi (1:11.142). Il #33 della Red Bull è sul filo e si rilancia, ma non migliora e viene momentaneamente messo fuori da Gasly, 2° a 54 millesimi da Sebastian. Investigazione intanto per Leclerc, reo di non aver rispettato il paletto di rientro in pista al momento del lungo ad inizio Q2. Hamilton torna in pista e, con gomma usata, va fortissimo e passa al comando (1:11.010); di nuovo in pista anche Bottas e, come Lewis, anche il finnico migliora, salendo in 2° posizione (+0.085). A 4′ minuti dalla bandiera scacchi, virtualmente fuori Verstappen, Giovinazzi, Kvyat, Albon e Grosjean, quest’ultimo senza tempi cronometrati.

Istantanea del botto patito da Kevin Magnussen, Haas, negli ultimi istanti della Q2 di Montreal (foto da: twitter.com/F1)

Fase decisiva della Q2, con Leclerc che rientra sul tracciato con mescola Soft; fanno lo stesso anche Vettel e i Mercedes. Migliorano il crono ma non la posizione i due della Toro Rosso. Tutto però viene stoppato dal pesante botto di Kevin Magnussen in uscita dall’ultima chicane, che causa la bandiera rossa; questo comporta l’eliminazione clamorosa di Max Verstappen, insieme a Kvyat, Giovinazzi, Albon e Grosjean. Con la Haas distrutta, qualifiche finite anche per il danese, che perde la sua VF-19 in uscita, tocca il Muro dei Campioni e sbatte forte contro il muretto opposto, per poi fermarsi dall’altro lato.

F1 GP CANADA 2019, CRONACA Q3

Questi i partecipanti alla fase decisiva delle qualifiche di Montreal: avremo le due Mercedes, le due Ferrari, le due Renault, le due McLaren, Pierre Gasly per la Red Bull e Kevin Magnussen per la Haas, anche se il danese non scenderà in pista dopo il botto negli ultimi istanti di Q2. Si parte dopo almeno una ventina di minuti di pausa dopo la bandiera rossa, con Gasly as uscire per primo dai box. Poi è il turno di Hulkenberg, Leclerc, Vettel, Ricciardo, Hamilton, Bottas e i McLaren. Il francesino della Red Bull passa in 1:12.185, un tempo alto. Anche Leclerc non è eccezionale (1:11.188), mentre Vettel passa al comando in 1:10.681; ma il tempo del tedesco è migliorato da Hamilton (1:10.493), con un super T2. Bottas è fortunatissimo, partendo in testacoda in uscita di curva 2, e rischiando di andare a muro. Hulkenberg è 4°, davanti a Gasly, Ricciardo e Sainz. Senza tempo anche Norris. Secondo giro lanciato per i ferraristi, che però non migliorano.

Secondo tentativo per Gasly, che si porta al 4° posto (+1.075), scavalcando Hulkenberg. A seguire, tutti di nuovo in pista, con Gasly che prova addirittura il terzo tentativo. Bottas è il primo dei big a fare il tempo, seguito nell’ordine da Hamilton, Leclerc e Vettel. Bottas commette varie sbavature ed è lento (1:11.101); Hamilton migliora, anche se di poco (1:10.446), mentre Leclerc sbaglia al tornantino e deve accontentarsi della 3° posizione. Ma è Vettel a fare un giro superlativo, prendendosi la pole e record della pista (1:10.240). Da segnalare il 4° posto clamoroso di Ricciardo con la Renault, subito avanti a Gasly e ad un deluso Bottas. A seguire Hulkenberg e le due McLaren di Norris e Sainz.

Classifica e tempi delle Qualifiche del Gran Premio del Canada 2019 (foto da: twitter.com/F1)

 

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo