F1 GP Azerbaijan 2017 Risultati PL2: Verstappen si conferma davanti

Dopo aver fatto segnare il miglior tempo al mattino, Max Verstappen e la Red Bull si confermano in palla in quel di Baku, prendendosi la migliore prestazione anche al pomeriggio, con il tempo di 1:43.362. Il giovane olandese, finito anche a muro all’esterno di Curva 1 all’ultimo giro, precede di un decimo esatto la Mercedes di Valtteri Bottas e di +0.111 l’altra RB13 di Daniel Ricciardo.

Max Verstappen ha confermato la miglior prestazione anche nel venerdì pomeriggio di Baku (foto da: racingnews365.nl)

Seguono le due Ferrari, con Kimi Raikkonen (+0.127) più rapido di Sebastian Vettel (+0.253). Ottima sessione, probabilmente la migliore finora, per Lance Stroll, autore del 6° tempo (+0.751), il quale precede la prima Force India, quella di Sergio Perez (+0.944), la Toro Rosso di Daniil Kvyat (+0.959), l’altra VJM10 di Esteban Ocon (+1.122) e un Lewis Hamilton (+1.163) al momento in grosso affanno, sia sul giro singolo che nella simulazione di passo gara.

Una sessione, quella di oggi pomeriggio, caratterizzata da una mole impressionante di errori dei vari piloti, ‘dilettatisi’ tra lunghi, testacoda e toccate a muro, in particolare con Palmer che, in curva 8, finisce a muro e, come Perez stamattina, provoca la bandiera rossa. Tra i piloti più fallosi spiccano Sebastian Vettel e Romain Grosjean.

Per quanto riguarda i giri percorsi, il migliore è stato Ocon con 37 passaggi, davanti a Verstappen (36) e al duo Ferrari (35). Fernando Alonso, con soli 14 giri completati, prende ancora una volta la palma di pilota con meno tornate all’attivo, a causa dell’ennesima rottura del propulsore Honda; dietro di lui Palmer (17) e Grosjean (22).

Classifica e tempi della seconda sessione di libere del venerdì del Gran Premio d’Azerbaijan (foto da: twitter.com/F1)

A livello di simulazioni sul passo gara, la Ferrari ha fatto spavento, con un Sebastian Vettel molto veloce con le Supersoft e apparentemente imprendibile con le Soft, prendendosi il giro migliore in 1:45.8. Molto bene anche Raikkonen, mentre le Red Bull, se sono parse competitive con le Pirelli a spalla rossa, sono rimbalzate molto indietro con le Soft. Spostandoci in casa Mercedes, Bottas si è mostrato al livello delle RB13, mentre Lewis Hamilton ha pasticciato tanto, vanificando praticamente la simulazione.

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo