Emergenza Coronavirus, Spadafora: “Protocolli FIGC insufficienti”

Il Ministro dello Sport Spadafora ha affermato che il Governo ha bocciato i protocolli sanitari per la ripresa delle attività calcistiche istituiti dalla FIGC, evidenziando tra l’altro le pressioni dal mondo del calcio e il ritorno in campo solo ed esclusivamente con le condizioni adeguate

Il ministro per le politiche giovanili e lo sport del governo italiano, Vincenzo Spadafora (foto da: youtube.com)

Il Governo apre, ma frena. Questo è quanto è possibile capire dopo il nuovo decreto firmato dal Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, nelle scorse ore, con cui la famosa Fase 2 dell’emergenza nazionale causata dalla diffusione e dal pericolo di contagio del Coronavirus, al secolo Covid-19, avrà inizio il 4 maggio.

Sì, il 4 maggio potranno riprendere gli allenamenti, ma solo degli sport individuali, mentre per gli sport di squadra la data della ripresa è il 18 maggio, quindi un rinvio di due settimane, così come era stato previsto nei giorni scorsi. 

Insomma, i calciatori potranno tornare ad allenarsi solo a metà maggio, ma prima bisognerà rivedere e modificare i protocolli sanitari di controllo, screening medico e gestione degli atleti istituiti dalla Commissione Scientifica della FIGC, ma rigettati dal Governo e dal Ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, perché considerati insufficienti.

Infatti, per il Governo i protocolli sanitaria dovrebbero postulare test sierologici, tamponi e visite approfondite simili all’idoneità sportiva.

Queste le parole di Spadafora, che tra l’altro ha voluto evidenziare come il calcio sta pressando per la ripresa delle attività e, soprattutto, come il Governo darà il via libera solo ed esclusivamente se e quando ci saranno le giuste condizioni: 

La FIGC ha presentato un protocollo e ieri sera il Comitato tecnico-scientifico non l’ha ritenuto ancora adeguato, bisognerà modificarlo; solo in quel momento si potrà decidere se il calcio potrà ripartire o meno. Molti campionati si sono già fermati, ma la Serie A non è abbastanza incline all’idea di fermare campionati e allenamenti. Riceviamo pressioni fortissime per ripartire.

Niente è scontato per la ripresa del campionato, bisognerà meritarsi tutto con i comportamenti giusti.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Benito Letizia

Informazioni sull'autore
Direttore di Stadiosport. Giornalista Pubblicista, Laureato in Lettere Moderne e Filologia Moderna presso l’Università Federico II di Napoli. "Il calcio è vita".
Tutti i post di Benito Letizia