Crotone-Inter 2-1, voti e pagelle: si salvano solo Handanovic e D’Ambrosio

Pomeriggio horror per l’Inter che perde in malo modo allo Scida contro un Crotone sorprendente e a questo punto rischia seriamente di perdere il treno per l’Europa.

Difficile trovare qualcuno che si salvi nel disastro generale, forse solo Handanovic che ha evitato un passivo più pesante e D’Ambrosio che ha avuto il merito di riaprire la partita con un gol rivelatosi poi inutile.

Partita memorabile, invece, del Crotone trascinato dai gol di uno straordinario Falcinelli (migliore in campo) e che a questo punto vede assolutamente riaperta la lotta salvezza.

CROTONE-INTER 2-1

MARCATORI: 18’pt Falcinelli (rigore), 26’pt Falcinelli; 20’st D’Ambrosio
 
CROTONE (4-4-2): Cordaz 6,5; Rosi 6,5, Ceccherini 7, Ferrari 7, Martella 6; Rohden 7 (23’st Sampirisi 6), Crisetig 6,5 , Barberis 6,5 (31’st Capezzi 6 ), Stoian 6, Trotta 6 (28’st Acosty 6 ), Falcinelli 8 (Festa, Viscovo, Nalini, Dussenne, Mesbah, Claiton, Simy, Kotnik, Suljic). Allenatore: Nicola 7.
 
INTER (4-2-3-1): Handanovic 6,5; D’Ambrosio 6,5, Murillo 4 (1’st Eder 6), Miranda 6, Ansaldi 5 (1’st Palacio 6); Medel 4, Kondogbia 5 (36’st Joao Mario 5 ); Candreva 4, Banega 5, Perisic 5; Icardi 4. (Carrizo, Santon, Sainsbury, Nagatomo, Andreolli, Gabriel Barbosa, Brozovic, Biabiany). Allenatore: Pioli 4.
 
ARBITRO: Guida (Torre Annunziata).
 
NOTE: Ammoniti: Martella, Palacio, Ceccherini, Banega, Acosty, Capezzi. Espulso Nicola.
 
I migliori:
 
Falcinelli 8: nessun dubbio sul migliore in campo, autore di due gol fondamentali che lo proiettano a 11 reti nella classifica marcatori. Se il Crotone ha ancora qualche possibilità di salvarsi lo deve soprattutto al suo bomber che sta dimostrando di meritare la Serie A.
 
Rohden 7: centrocampista estremamente interessante, di buona sostanza e capace di mettere in crisi la retroguardia neroazzurra con pericolosissimi inserimenti.
 
Ferrari-Ceccherini 7: meritano una menzione entrambi perché autori di una partita straordinaria. Annullano Icardi e difendono la porta di Cordaz fino all’ultimo secondo.
 
I peggiori:
 
Icardi 4: periodo di preoccupante involuzione per l’attaccante argentino che non solo non trova più la porta come gli accadeva con grande frequenza fino a poche settimane fa, ma che sembra anche aver perso tutta la verve e la grinta che lo avevano caratterizzato in questa stagione. Il peggiore.
 
Murillo 4: il colombiano quest’anno è irriconoscibile e l’ennesima prestazione terrificante non fa che confermare le sue enormi difficoltà.
 
Candreva 4: è diventato una presenza costante tra i peggiori in campo, ma le sue prestazioni cominciano a diventare oggettivamente indifendibili. In difficoltà dal punto di vista fisico, mai pericoloso, caterve di cross sbagliati: Candreva sta diventando un caso.