Crotone-Inter 0-2, dichiarazioni post-partita Conte: “Questa squadra adesso conosce la cultura della vittoria”

Termina 0-2 per l’Inter il match contro il Crotone valido per la trentaquattresima giornata del campionato di Serie A. Per i nerazzurri decisive le reti di Eriksen e Hakimi.

Il grande gruppo: “Questo grande campionato è dettato in primis dall’amalgama di gruppo che si è venuto a creare. I ragazzi stanno riuscendo nell’impresa di far cadere un regno, non posso non complimentarmi con loro e con l’abnegazione che ci hanno messo”.

Festeggiamenti anticipati: “Non abbiamo preso accordi per vedere la partita tra Sassuolo e Atalanta che potrebbe decidere la matematica dello scudetto. Ai ragazzi ho dato un giorno di riposo, e ognuno di noi resterà in famiglia e guarderà la partite in casa proprio. Dipendere dagli altri, dopo quello che abbiamo costruito, non mi sembra una cosa corretta. Quello che arriverà, ci prenderemo, consapevoli di quanto sia meritato”.

Antonio Conte, 51 anni, allenatore dell’Inter

La cultura della vittoria: “Questa squadra ha avuto un processo di crescita importante. Arrivare a vincere ed essere considerati dei vincenti non è roba da tutti. Ci vogliono sacrifici e rinunce per fare cose straordinarie. Non tutti riescono a fare ciò, mentre i miei ragazzi si”.

Scudetti differenti: “Sono due situazioni totalmente diverse quelle che ho vissuto a Torino prima e che sto vivendo a Milano ora. Lì venivo da un’esperienza allo Spezia, e tra le mie mani avevo una squadra in grosse difficoltà a qualificarsi per la Champions. Il duro lavoro ha però portato all’aprirsi di un ciclo vincente. Qui all’Inter, invece, ho scelto di mettermi in grande discussione avendo però una maggiore esperienza. Non è stato facile per me entrare nel cuore di tutti i tifosi nerazzurri, ma penso di esserci riuscito a poco a poco”.

Non più pazza Inter: “A proposito ‘di pazza Inter’, ci tengo a dire che non ho fatto nulla. questa decisione non è dipesa da me. Anzi, mi piace anche il nostro inno, è simpatico ed orecchiabile. Qualcuno ha preso la mia affermazione, legata al dover essere meno pazzi e più stabili come le grandi squadre, per lucrare sull’idea di dover cambiare l’inno”.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

15€ Bonus Benvenuto Scommesse al Deposito

Fastbet

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Orazio Redi

Informazioni sull'autore
Giornalista pubblicista, laureato in Scienze della comunicazione. Amante, sin da piccolo, di calcio e analisi dei linguaggi giornalistici. La citazione, che definisce perfettamente la mia ambizione, è questa qui di Steve Jobs: "L'unico modo per poter fare un ottimo lavoro sta nell'amare ciò che si fa. Il segreto è non accontentarsi mai e inseguire fino alla fine i propri sogni".
Tutti i post di Orazio Redi