Coppa d’Africa 2017: diretta streaming live, gironi, calendario e squadre

Tutto quello che c’è da sapere della Coppa d’Africa 2017, che si disputerà in Gabon dal 14 gennaio al 5 febbraio: come vedere le partite in diretta tv e streaming live, il calendario con il tabellone ufficiale, i record della competizione e un focus su tutte le nazionali squadra per squadra 

E’ giunto il momento della Coppa d’Africa, che avrà inizio quest’oggi alle 17 con la partita inaugurale tra Gabon e Guinea-Bissau allo Stade d’Angondjè di Libreville, prima partita del Girone A, in cui ci sono anche Burkina-Faso e Camerun. Lo stadio della capitale ospiterà, ovviamente, anche la finale del 5 febbraio. 

Poi, da domani, ci sarà spazio anche per tutte le altre partite, con il Girone B costituito da Algeria, Zimbabwe, Tunisia e Senegal; il Girone C con Costa d’Avorio, campione in carica, Togo, Repubblica Democratica del Congo e Marocco; e, infine, il Girone D formato da Ghana, Mali, Uganda e Egitto, che detiene il record di vittorie in questa competizione. 

Primati e record Coppa d’Africa: 

Infatti, la nazionale egiziana è davanti a tutte con 7 Coppe d’Africa vinte nella sua storia. Al secondo posto si posizionano Ghana, finalista nel 2015 contro la Costa d’Avorio, e Camerun con 4 vittorie, mentre la Nigeria, la grande assente di questa competizione insieme al Sudafrica, è ferma a quota 3 coppe in bacheca. 

Il capocannoniere ufficiale di tutte le edizioni della Coppa d’Africa è, invece, Samuel Eto’o. L’ex attaccante di Barcellona e Inter è a quota 18 gol totali. 

Storia Coppa d’Africa 2017: 

In realtà, questa edizione di Coppa d’Africa ha una storia molto particolare. Infatti, la sede ufficiale sarebbe dovuta essere il Sudafrica, come stabilito dalla CAF nel 2011, ma lo scoppio della guerra civile in Libia, che avrebbe dovuto ospitare l’edizione 2013, ha portato all’inversione della nomina. Poi, però, la federazione libica ha rinunciato e il nuovo bando del 2014 è stato vinto dal Gabon. 

Stadi e città Coppa d’Africa 2017: 

Oltre alla capitale Libreville e, quindi, allo Stade d’Angondjè, le partite si disputeranno anche allo Stade di Franceville, allo Stade di Oyem e allo Stade di Port-Gentil

Pronostico Coppa d’Africa 2017: 

Le favorite per vincere la competizione sono sicuramente i campioni in carica della Costa d’Avorio, conosciuta anche come il Brasile d’Africa, insieme a Ghana e Egitto. Un gradino sotto, invece, si posizionano Marocco, Algeria e Senegal, attese al definitivo salto di qualità, mentre il Gabon padrone di casa potrebbe essere spinto dalla forza della tifoseria per arrivare fino in fondo al torneo. 

Gironi Coppa d’Africa 2017: 

GRUPPO A

Gabon, Burkina Faso, Cameroon, Guinea-Bissau

GRUPPO B

Algeria, Tunisia, Senegal, Zimbabwe

GRUPPO C

Costa d’Avorio, DR Congo, Marocco, Togo

GRUPPO D

Ghana, Mali, Egitto, Uganda

Calendario Coppa d’Africa 2017: 

Fase a gironi: 14 gennaio-5 febbraio

 

 

Sabato 14 gennaio

Gabon-Guinea-Bissau ore 17 

Burkina Faso-Camerun ore 20:00 

Domenica 15 gennaio

Algeria-Zimbabwe ore 17:00

Tunisia-Senegal ore 20:00

Lunedì 16 gennaio

Costa d’Avorio-Togo ore 17:00

RD Congo-Marocco ore 20:00

Martedì 17 gennaio

Ghana-Uganda ore 17:00

Mali-Egitto ore 20:00

 

Mercoledì 18 gennaio

Gabon-Burkina Faso ore 17:00

Camerun-Guinea-Bissau ore 20:00

Giovedì 19 gennaio

Algeria-Tunisia ore 17:00

Senegal-Zimbabwe ore 20:00

Venerdì 20 gennaio

Costa d’Avorio-RD Congo ore 17:00

Marocco-Togo ore 20:00

Sabato 21 gennaio

Ghana-Mali ore 17:00

Egitto-Uganda ore 20:00

 

Domenica 22 gennaio

Camerun-Gabon ore 20:00

Guinea-Bissau-Burkina Faso ore 20:00

Lunedì 23 gennaio

Zimbabwe-Tunisia ore 20:00

Senegal-Algeria ore 20:00

Martedì 24 gennaio

Togo-RD Congo ore 20:00

Marocco-Costa d’Avorio ore 20:00

Mercoledì 25 gennaio

Egitto-Ghana 20:00

Uganda-Mali ore 20:00

Tabellone Coppa d’Africa 2017: 

QUARTI DI FINALE

28 gennaio
1-Ore 17.00: Prima girone A-Seconda girone B
2-Ore 20.00: Prima girone B-Seconda girone A

29 gennaio
3-Ore 17.00: Prima girone C-Seconda girone D
4-Ore 20.00: Prima girone D-Seconda girone C

SEMIFINALI

1 febbraio
5-Ore 20.00: Vincente 1-Vincente 4

2 febbraio
6-Ore 20.00: Vincente 2-Vincente 3

FINALE TERZO POSTO

4 febbraio
Ore 20.00: Perdente 5-Perdente 6

FINALE

5 febbraio
Ore 20.00: Vincente 5-Vincente 6

Diretta TV e Diretta Streaming Live Coppa d’Africa 2017 dal 14 gennaio al 5 febbraio: 

La Coppa d’Africa 2017 sarà trasmessa in diretta TV e in esclusiva da Sky sul canale di Fox Sports Canale 204. Gli abbonati a Sky Sport e Sky Calcio potranno usufruire anche del servizio Sky Go per guardare tutte le partite della Coppa d’Africa 2017 in diretta streaming live. 

Il satellitare Sky trasmetterà, ovviamente, anche la cerimonia d’apertura della rassegna continentale, prevista alle ore 15.45 di sabato 14 gennaio. Le 75 ore di programmazione live, vedranno alla conduzione Giulia Mizzoni, Alvaro von Richetti e Marco Russo.

E’ possibile acquistare la partita su NowTv al prezzo di 9,99 €. 

Girone A, squadra per squadra: 

Gabon: 

La nazionale padrone di casa è allenata dallo spagnolo Josè Antonio Camacho e ha diversi giocatori importanti. In difesa può contare su Manga del Cardiff, mentre a centrocampo il fiore all’occhiello è sicuramente Lemina della Juventus, ma può annoverare anche Poko del Karderim, squadra turca, Ndong del Sunderland e Kanga della Stella Rosa di Belgrado. In attacco spazio al capitano e al fuoriclasse della squadra, Aubameyang del Borussia Dortmund. 

Guinea-Bissau: 

La nazionale è allenata dal portoghese Paulo Torres e ha una rosa non molto competitiva. Interessante, però, la presenza di ben 11 giocatori provenienti dai campionati portoghesi. Il giocatore più forte della squadra è sicuramente Camarà dell’Avellino. 

Burkina-Faso: 

Potrebbe essere una delle grandi sorprese della competizione la nazionale allenata dal portoghese Paulo Duarte. Infatti, nelle convocazioni del ct ci sono Konè del Malaga e Yago del Tolosa a guidar ela difesa, mentre Kaborè del Krasnodar a centrocampo potrebbe assicurare grande intensità. In attacco spazio ai due giocatori più importanti: Traorè dell’Ajax, ma di proprietà del Chelsea, e Pitroipa dell’Al-Nassr, ex Amburgo, Friburgo e Rennes. 

Camerun: 

Ci si aspetta un ritorno in grande da parte della nazionale allenata dal belga Hugo Broos, che può contare su Nkoulou del Lione e Fai dello Standard Liegi in difesa. Il punto debole rimane il centrocampo, che non annovera giocatori dai campionati europei, mentre in attacco Njie del Marsiglia, Aboubakar del Besiktas, ex Porto, e Moukandjo del Lorient saranno bocche di fuoco davvero importanti. 

Girone B, squadra per squadra: 

Algeria: 

Anche la nazionale allenata dal belga George Leekens è attesa ad una Coppa d’Africa di grandissimo livello. E’ una squadra praticamente completa quella algerina, a partire dalla difesa, con il capitano Mandi del Betis, Ghoulam del Napoli e Mesbah del Crotone, ex Milan, all’attacco, con il duo formato da Slimani del Leicester City e Soudani della Dinamo Zagabria. Abbondanza, talento e classe, invece, a centrocampo con Bentaleb dello Schalke 04, Taider del Bologna, Abeid del Djon, Guediourè del Watford a giocarsi il posto in mediana e Brahimi del Porto, Hanni dell’Anderlecht, Mahrez del Leicester City, che ha vinto anche il Pallone d’Oro africano 2016, e Ghezzal del Lione ad assicurare strappi e giocate geniali. 

Zimbabwe: 

Potrebbe essere una cenerentola della competizione la nazionale allenata da Callisto Pasuwa. Non ci sono giocatori degni di nota, tranne il centrocampista Nakamba, attualmente del Vitesse, che sembra essere seguito dal Genoa e potrebbe sfruttare la competizione per aumentare l’interesse nei suoi confronti. 

Tunisia: 

La nazionale allenata dal polacco Henryk Kasperczak potrà contare su Abdennour del Valencia, ex Monaco, sul quale c’era stato l’interesse del Milan in passato, e Youssef del Caen in difesa. In attacco attenzione alle giocate di Khazri del Sunderland e Sliti dello Standard Liegi. 

Senegal: 

Sarà una delle favorite la nazionale allenata da Aliou Cissè, che ha una squadra assolutamente completa e di grandissimo livello. Infatti, in difesa Koulibaly del Napoli e Kara dell’Anderlecht assicureranno fisicità ed esperienza, mentre sulle fasce Tourè del Lorient si giocherà il posto con Mbengue del Saint Etienne e Gassama dell’Aytemiz, squadra turca. In mediana Kouyatè del West Ham ha il posto assicurato, mentre al suo fianco Diop dell’Espanyol dovrà giocarsi il posto con Gueyè dell’Everton, Diamè del Newcastle e Ndiaye dell’Osmanilspor, con Saivet del Saint Etienne e Sarr del Metz, probabilmente il miglior talento under 21 della competizione, sulle fasce. In attacco ancora Manè del Liverpool, Keità della Lazio, Sow del Fenerbahçe, Diouf dello Stoke City e Konatè del Sion, ex Siviglia, rappresentano sicuramente uno dei reparti più forti in assoluto del torneo. 

Girone C, squadra per squadra: 

Costa d’Avorio: 

Difficilmente una nazionale si è ripetuta, ma quella allenata dal francese Michel Dussuyer ha tutte le carte in regola per confermarsi quattro anni dopo l’ultima volta. In difesa spazio a Bailly del Manchester United, Konè del Sunderland e Aurier del PSG, mentre a centrocampo Kessìe dell’Atalanta, Diò del Basilea, Doukourè del Metz e Seri del Nizza daranno qualità e quantità. In attacco Gradel del Bournemouth, Zaha del Crystal Palace e Kalou dell’Herta Berlino saranno sempre in ballottaggio, così come Bony dello Stoke City non ha il posto assicurato come punta centrale, a causa della presenza di Siò del Rennes. 

Togo: 

Potrebbe essere l’ultima competizione di Adebayor in nazionale e, in generale, in una qualsiasi competizione, ma il francese Claude Le Roy punterà molto su Akakpo del Trabzonspor in difesa e sul duo a centrocampo formato da Romao dell’Olympiakos, ex Marsiglia, e Dossevi dello Standard Liegi. In attacco ci saranno anche Ayitè del Fulham e Gakpè del Genoa. 

Repubblica Democratica del Congo: 

Un’altra possibile rivelazione potrebbe essere la nazionale di Florent Ibengè. Infatti, l’undici titolare è di tutto rispetto con Mbemba del Newcastle, Tisserand dell’Ingolstadt, Nsakala dell’Aytemiz e Ikoko del Guingamp a formare una difesa di tutto rispetto. A centrocampo Mulumbu del Norwich City, Kebano del Fulham e Kage del Kortijk, squadra belga, assicureranno equilibrio e permetteranno di schierare tutti assieme Mpoku del Panathinaikos, ma di proprietà del Chievo Verona, Bakambu del Villareal e Mbokani dell’Hull City in uno dei migliori tridenti d’attacco del torneo. 

Marocco: 

Ci si aspetta tantissimo dalla nazionale allenata dal francese Hervè Renard. A partire dalla difesa, che potrà contare su Benatia della Juventus, per finire con l’attacco, costituito da Carcela-Gonzalez del Granda, El Arabi del Lechwiya e En Nesyri del Malaga, grande talento under 21, passando per un centrocampo completo e abbondante, formato da Saiss del Wolverhampton, El Ahmadi del Feyenoord, Bennasser del Nancy, Obbadi dello Standard Liegi, El Kaddouri del Napoli, Fajr del Deportivo La Coruna, Boussoufa dell’Al-Jazira e Dirar del Monaco, la rosa non ha punti deboli. 

Girone D, squadra per squadra: 

Ghana: 

Proverà a cancellare la delusione della scorsa edizione la nazionale allenata dall’israeliano Avram Grant. Tanti giocatori importanti in rosa, come Baba dello Schalke 04 e i fratelli Ayew, uno al West Ham, l’altro all’Aston Villa, oltre al capitano e al giocatore con maggiore storia, come Asamoah Gyan dell’Al-Alhy, ex Udinese. Il centrocampo, però, può contare su abbondanza di qualità ed equilibrio con Thomas dell’Atletico Madrid, Amartey del Leicester City, Badu dell’Udinese, Acquah del Torino, Acheampong dell’Anderlecht, Wakaso del Panathinaikos e Atsu del Newcastle. 

Uganda: 

E’ destinata all’eliminazione la nazionale allenata dal serbo Milutin Sredojevic, che ha il solo Miya dello Standard Liegi come giocatore conosciuto, o semisconosciuto, ai più. Attenzione, però, ad Azira dei Colorado Rapids, centrocampista, e Zikito del Rio Ave, attaccante. 

Mali: 

E’ una squadra molto interessante quella allenata dal francese Alain Giresse, che può contare su Wague dell’Udinese in difesa, Traorè del Monaco, ma ex Barcellona, Sylla del Montpellier, Yatabarè del Werder Brema e Doumbia del Rostov in mediana, ma soprattutto su Sako del Crystal Palace, Marega del Vitoria Guimaraes e Coulibaly del Gent in attacco, ex Tottenham ed ex conoscenza del calcio italiano. 

Egitto: 

Infine, spazio ai primatisti della competizione, che tornano a disputare questo torneo dopo la clamorosa assenza delle ultime due edizioni. La nazionale allenata dall’argentino Hector Cuper è probabilmente la grande favorita, visto che non ha punti deboli. Infatti, è l’unica a possedere due portieri di un certo livello, come El Shenawy dello Zamalek e Ekrami dell’El-Alhy. In realtà, le due maggiori squadre del campionato egiziano hanno creato dei veri e propri blocchi con Hegazy e Fathi in difesa, dove c’è anche Gaber del Basilea, e Mohsen in attacco, dove ci sarà il giocatore più forte e nella top 3 della Coppa d’Africa, Salah della Roma, insieme ad Hassan dello Sporting Braga. In mediana spazio a qualità, quantità ed esperienza con Elneny dell’Arsenal, Elmohamady dell’Hull City, Sobhi dello Stoke City e Trezequet del Mouscron, squadra belga. 

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Benito Letizia

Informazioni sull'autore
Direttore di Stadiosport. Giornalista Pubblicista, Laureato in Lettere Moderne e Filologia Moderna presso l’Università Federico II di Napoli. "Il calcio è vita".
Tutti i post di Benito Letizia