Serie A, la classifica aggiornata dopo la 37^ Giornata

Manca ancora la partita più importante, ma la 37° giornata di Serie A ha già regalato altri verdetti.

La certezza è sempre la Juventus, che ha annientato il Napoli, nonostante non avessero chissà quali stimoli. I bianconeri hanno festeggiato la festa per il double con una vittoria schiacciante che, non solo esalta l’abbondanza della rosa, costituita da riserve che possono competere tranquillamente contro qualsiasi squadra del massimo campionato italiano, un gap praticamente incolmabile, ma evidenzia la fallimentare stagione dei partenopei. Il club campano ha deluso le aspettative, continuando a fallire nelle partite più importanti e nei momenti topici della stagione. C’è ancora una piccola speranza di conquistare il terzo posto, che passa dal derby e dall’ultimo turno di campionato. Ma, onestamente, la squadra di Rafa Benitez non merita un posizionamento migliore del quarto posto. Altro salto di qualità fallito, non resta che tentare una rivoluzione, perché la mentalità non è acquistabile, solo costruibile.

Altro fallimento quello dell’Inter, che ha sprecato miseramente l’occasione di avvicinarsi al sesto posto, perdendo sul campo del Genoa, che sogna in grande. I nerazzurri hanno dimostrato di aver ormai acquisito il plagio di Roberto Mancini, ma commettono i soliti stupidi errori in difesa. Forse, è meglio così, perché il tecnico di Jesi avrà più tempo per curare i dettagli e continuare nel proprio progetto di rinascita e ricostruzione con calma e senza impegni europei. Un plauso a Gian Piero Gasperini, che ha creato una macchina da guerra quasi perfetta, bella e spettacolare, ma anche cinica e pragmatica quando serve, prendendosi la propria vendetta personale contro chi non ha creduto davvero in lui. E’ meraviglioso osservare la squadra ligure, che meriterebbe la qualificazione in Europa League. La speranza è che il ricorso alla decisione della Uefa di non concedere la licenza venga accolto, perché i grifoni possono davvero fare grandi cose in campi internazionali per mentalità e gioco.

Continua a deludere la Sampdoria, che non riesce ad andare oltre il pareggio, tra l’altro immeritato, sul campo dell’Empoli. La squadra di Maurizio Sarri ha continuato a mostrare il solito gioco spettacolare, ma anche la solita incapacità di chiudere le partite e sfruttare come si deve le tante occasioni create. Mentre la squadra ligure continua a perseguire il proprio sogno europeo, che probabilmente sarà realizzato per i motivi poc’anzi detti, grazie alla grinta di Sinisa Mihajlovic, un tecnico che non molla mai.

Spettacolo e divertimento allo stato puro tra Palermo e Fiorentina, con i viola capaci di conquistare tre punti fondamentali per i propri obiettivi. Il quinto posto è ormai blindato, ma si sono aperti clamorosi spiragli per un possibile quarto posto. Tutto dipenderà dall’ultima partita di campionato, ma i viola hanno confermato che, almeno in campionato, hanno abbandonato quell’imborghesimento mostrato sui campi europei. Ci sono ancora grossi dubbi riguardo il futuro di Vincenzo Montella, incapace di fare il salto di qualità definitivo con il club toscano, che ha l’obbligo di dimostrare davvero il suo talento se vuole fare il definitivo salto di qualità. Standing ovation per i tifosi del club siciliani, capaci di applaudire il gol dell’ex e festeggiare il sogno e l’addio di un giovane talento.

Per il resto, tutti risultati abbastanza inutili ai fini della classifica. Il Sassuolo si è confermato in crescita sul campo dell’Udinese, che ha chiuso male davanti al proprio pubblico. Male anche il Cesena, ma contro il Cagliari è stato solo un anticipo di una sfida che sarà protagonista in Serie B il prossimo anno. Lacrime e dignità al Tardini per un Parma che merita solo tanti, tantissimi scroscianti applausi per l’orgoglio e la professionalità mostrate durante tutta la stagione. La speranza è che la quarta scadenza per l’asta possa portare buone notizie. E’ immortale Luca Toni, che conquista il primato nella classifica marcatori e si avvia a vincere il secondo titolo personale della sua carriera nel campionato italiano, il terzo contando quello vinto nella Bundesliga tedesca. Bene Chievo e Atalanta, che dimostrano buone basi sulle quali ricostruire la salvezza della prossima stagione.

Infine, il Milan si congeda da San Siro con una prestazione sontuosa e una vittoria spettacolare contro il Torino. Lasciando da parte le voci sul futuro della panchina e societario e gli aspetti tecnico-tattici, finalmente è tornato Stephen El Shaarawy, uno dei talenti più puri del calcio italiano, e Giampaolo Pazzini ha potuto festeggiare il tanto agognato 100° gol in Serie A. Ottime notizie, buoni spunti dai quali ricostruire per tornare ai fasti di un tempo. Brutto ko per i granata, ormai fuori dalla corsa al sesto posto.

RISULTATI

Sabato 23 maggio

Juventus-Napoli 3-1 (13′ Pereyra (J), 50′ David López (N), 77′ Sturaro (J), 90’+3 rig. Pepe (J))
Genoa-Inter 3-2 (19′ Icardi (I), 24′ Pavoletti (G), 30′ Palacio (I), 41′ Lestienne (G), 89′ Kucka (G))

Domenica 24 maggio

Empoli-Sampdoria 1-1 (57′ Pucciarelli (E), 90’+1 Eto’o (S))
Cesena-Cagliari 0-1 (90’+1 Sau)
ChievoVerona-Atalanta 1-1 (48′ Gómez (A), 88′ Pellissier (C))
Palermo-Fiorentina 2-3 (23′ Iličić (F), 26′ Jajalo (P), 33′ Gilardino (F), 69′ Rigoni (P), 78′ Alonso (F))
Parma-Hellas Verona 2-2 (21′ Nocerino (P), 36′ Varela (P), 42′ Toni (V), 80′ rig. Toni (V))
Udinese-Sassuolo 0-1 (70′ Magnanelli)
Milan-Torino 3-0 (18′ El Shaarawy, 57′ rig. Pazzini, 65′ El Shaarawy)

Lunedì 25 maggio

Lazio-Roma ore 18:00

CLASSIFICA

1 Juventus 37 26 8 3 70 22 +48 86
2 Roma 36 18 13 5 51 28 +23 67
3 Lazio 36 20 6 10 66 34 +32 66
4 Napoli 37 18 9 10 68 50 +18 63
5 Fiorentina 37 17 10 10 58 46 +12 61
6 Genoa 37 16 11 10 61 44 +17 59
7 Sampdoria 37 13 16 8 46 40 +6 55
8 Internazionale 37 13 13 11 55 45 +10 52
9 Torino 37 13 12 12 43 45 -2 51
10 Milan 37 12 13 12 53 49 +4 49
11 Palermo 37 11 13 13 51 54 -3 46
12 Sassuolo 37 11 13 13 46 56 -10 46
13 Hellas Verona 37 11 12 14 47 63 -16 45
14 Chievo 37 10 13 14 28 38 -10 43
15 Empoli 37 8 18 11 43 48 -5 42
16 Udinese 37 10 11 16 40 52 -12 41
17 Atalanta 37 7 16 14 37 54 -17 37
18 Cagliari 37 7 10 20 44 65 -21 31
19 Cesena 37 4 12 21 36 68 -32 24
20 Parma 37 6 7 24 31 73 -42 18

CLASSIFICA MARCATORI

1. Toni L. Verona 21
2. Icardi M. Inter 20
2. Tevez C. Juventus 20
4. Higuain G. Napoli 16
4. Menez J. Milan 16
6. Gabbiadini M. Napoli (Sampdoria) 15
7. Berardi D. Sassuolo 14
7. Di Natale A. Udinese 14
9. Dybala P. Palermo 13
9. Falque I. Genoa 13
9. Quagliarella F. Torino 13
12. Klose M. Lazio 12

Benito Letizia

Benito Letizia

Informazioni sull'autore
Direttore di Stadiosport. Giornalista Pubblicista, Laureato in Lettere Moderne e Filologia Moderna presso l’Università Federico II di Napoli. "Il calcio è vita".
Tutti i post di Benito Letizia