Chinese Super League: ecco l’accusa di Tevez

Cina 50 anni indietro. Giocatori ingenui e senza fisico” l’accusa dell’ex bianconero, oggi allo Shanghai Shenua.

In un’intervista alla tv spagnola Movistar Plus, Carlos Tevez ci va giù pesante con il Campionato cinese. “Questo campionato non può competere con nessuno dei grandi tornei europei, nemmeno se venisse il miglior giocatore al mondo, c’è una distanza di 50 anni” – le dure parole dell’Apache.

Carlos Tevez

“Qui in Cina i giocatori tecnicamente non sono molto bravi, ne’ sono molto fisici. Sono anche molti ingenui per cui, anche senza volerlo, ti rifilano un calcione e ti fanno male. E poi il calcio è molto diverso e anche la gente lo vive diversamente”. E sull’adattamento nel Campionato cinese ha continuato: “Con la mia famiglia siamo contenti anche se non mi sono ancora ambientato del tutto ma credo che riuscirò a farlo piano piano”.

Arrivato al club cinese lo scorso 29 dicembre firmando un contratto biennale da 40 milioni di euro l’anno, l’ex juventino non sembrerebbe trovarsi benissimo in Oriente e all’emittente spagnola ha messo in luce tutte i limiti del calcio asiatico rispetto a quello europeo. Nonostante lo stipendio faraonico che ne fa il calciatore più pagato al mondo, l’Apache non rinnega per ora la sua scelta, ma certamente non fa finta di niente.