Chelsea: quanta fatica contro lo Slavia Praga

I Blues portano a casa solo il risultato di positivo, ma la prestazione è da rivedere.

Nell’andata dei quarti di finale di Europa League, il Chelsea sbanca l’Eden Arena di Praga battendo 1-0 i padroni di casa dello Slavia Praga nel finale ed è a un passo dalla semifinale. Tuttavia, il risultato è l’unica cosa buona della partita giocata dalla squadra di Maurizio Sarri, messa alle strette dai cechi che come contro il Siviglia hanno dimostrato di essere la vera mina vagante della competizione. Ed al ritorno niente è scontato, visto che lo Slavia è stato capace di ottenere un risultato positivo anche contro gli andalusi al Pizjuan.

Il primo tempo giocato dai Blues è forse stato uno dei peggiori della stagione, con gli inglesi mai pericolosi verso la porta difesa da Kolar che poteva benissimo starsene in tribuna per come sono andati i primi 45′. Lo Slavia Praga, invece, si chiude bene e tenta di prendere il Chelsea in contropiede, ma non riesce ad incidere come fatto agli ottavi. L’occasione più clamorosa del primo tempo è per il Chelsea con Willian che scheggia la traversa.

Nella ripresa la partita si vivacizza ed il Chelsea ha due buone occasioni per portarsi avanti che, però, vengono sprecate Rudiger e Willian. Anche lo Slavia Praga è più incisivo in avanti e costringe due volte Kepa ad un miracolo sulle conclusioni di Traoré Boril. Passata la paura, il Chelsea trova la rete all’86’ con Marcos Alonso che di testa batte Kolar e decide la partita. I Blues passano a Praga, ma la sensazione è che a Stamford Bridge servirà una prestazione autorevole per evitare brutti scherzi.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

15€ Bonus Benvenuto Scommesse al Deposito

Fastbet

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Danilo Servadei

Informazioni sull'autore
Laureando in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Aspirante giornalista con la passione per il calcio estero e l'amore per quello giapponese
Tutti i post di Danilo Servadei