Champions League, aspettando Porto-Juventus: il profilo di André Silva

L’urna di Nyon ha emesso il suo verdetto: agli ottavi di finale di Champions League la Juventus dovrà affrontare il Porto. Un ostacolo certamente più abbordabile di tante altre possibile insidie nel giorno del sorteggio, ma comunque da non sottovalutare. Specie perché è una squadra giovane, con grande entusiasmo, che è partita dai preliminari di agosto quando ha fatto fuori un’altra italiana, la Roma di Luciano Spalletti. E perché i giocatori di talento ce ne sono eccome. Uno su tutti: André Silva.

Classe 1995, il gioiello di Gondomar è un prodotto del vivaio lusitano e, dopo la prima promettente stagione 2015/2016, quest’anno è definitivamente esploso (cinque centri nella fase a gironi, 10 in campionato), dimostrando di meritare di giocare in pianta stabile in questa competizione. Attaccante centrale, bravo a inserirsi negli spazi grazie alla sua rapidità, fisico non statuario (185 centimetri di altezza) ma sa farsi valere anche nel gioco aereo.

Non è un caso che il Real Madrid si sia mosso per portarlo al Bernabeu dalla prossima estate, al punto che le Merengues sarebbero molto vicine al suo acquisto per ben 58 milioni di euro. Intanto, però, c’è una Champions da onorare con la maglia del Porto. E le recenti amnesie difensive palesate dalla Juventus devono essere un campanello d’allarme per Allegri.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€