Cessione Roma: Friedkin rimane la pista più calda. Per il nuovo direttore sportivo si pensa a Burdisso

Oltre al texano ci sono altri soggetti interessati, ma l’offerta fatta recapitare a Pallotta è quella con più garanzie. Per il nuovo uomo mercato si pensa anche all’ex difensore argentino

Il tempo stringe in casa Roma. Entro il 12 agosto la società giallorossa dovrà presentare alla Covisoc le fidejussioni necessarie per l’iscrizione al campionato, spiega La Gazzetta dello Sport. Per la fine del mese, poi, la Roma attende dalla Consob il via libera per procedere con l’ultima parte dell’aumento di capitale. 

E i tempi stringono anche per la vicenda della cessione societaria. Sulla scrivania di Pallotta è forte l’offerta di Dan Friedkin. Il magnate texano ha messo sul piatto 490 milioni, contro i 560/ 600 richiesti dal bostoniano.

CODA – Friedkin non è però il solo ad essere interessato all’acquisto del club giallorosso. Insieme a lui c’è una schiera di ammiratori pronti a fiutare l’affare. Una schiera che si allarga per tutto il mondo. Dal Sudamerica, passando per la Russia per poi arrivare ad un fondo del Kuwait. Della prima pista se ne sta occupando il sempre presente Franco Baldini. Stando alle ultime indiscrezioni, il fondo con base a Los Angeles, ma con testa in Ecuador e portafoglio in Uruguay, è lo stesso che avrebbe sondato il terreno per Edinson Cavani. Per il fondo russo, invece, si sa ad ora ben poco. E si sa ben poco anche di quello del Kuwait, pista che invece sta seguendo Mauro Baldissoni, pronto a tornare in auge al comando della Roma. 

In tutto questo c’è anche (giustamente, visto il ruolo ricoperto) Guido Fienga. L’amministratore delegato giallorosso opta da tempo per l’arrivo di Friedkin che, di fatto, è l’unica vera offerta pervenuta. Anche perché le offerte che sia il fondo sudamericano che quello sovrano del Kuwait possono fare sono sì più alte, ma le garanzie che offrono non convincono fino in fondo Pallotta

Un arrivo che, spiega Leggo, incombe. Pallotta vuole infatti chiudere entro la fine di agosto, magari per Ferragosto. Il tempo di aspettare che Friedkin aumenti l’offerta (probabile che immetta anche 80-85 milioni per il mercato).

ADDI E RITORNI – Con la nuova proprietà cambieranno anche le poltrone. Quella del direttore sportivo, ad esempio, sembrava stesse aspettando Morgan De Sanctis. L’ex portiere, dopo aver fiutato dall’addio di Petrachi la promozione, salvo poi accorgersi dell’onnipresenza di Baldini, sembrerebbe sul punto di lasciare Trigoria. Ad aspettarlo c’è l’Ascoli. Dietro una scrivania della società marchigiana si è già seduto un dirigente proveniente dalla Roma giallorossa. Ad inizio giugno, infatti, il Picchio ha ufficializzato l’arrivo dell’ex collaboratore giallorosso Giuseppe Bifulco come nuovo diesse. A proposito di direttore sportivo. Tra i vari profili che si stanno analizzando per il nuovo uomo mercato c’è anche quello di Nicolas Burdisso. L’ex difensore giallorosso è reduce dall’esperienza argentina con il Boca Juniors. Con gli Xeneizes ha vinto l’ultimo campionato argentino, oltre ad aver portato a Buenos Aires Daniele De Rossi. Che i destini della Roma e di Scarface torneranno ad incrociarsi? 

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SISAL

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Roberto Gentili

Informazioni sull'autore
Cresciuto a pane, calcio e sport.
Tutti i post di Roberto Gentili