Caso Suarez: indagato Paratici per false dichiarazioni a Pubblico Ministero! Cosa rischia la Juventus?

Ci sono importanti novità riguardo al caso Suarez-Juventus, che torna a riempire le pagine di giornale a distanza di tre mesi dallo svanire della possibilità che l’attaccante uruguagio vestisse il bianconero.

Andando con ordine: Suarez avrebbe dovuto sostenere, circa tre mesi fa, un esame di lingua italiana B1 presso l’Ateneo per stranieri di Perugia, al fine di conseguire il passaporto comunitario e permettere alla Juventus di tesserarlo nel corso dell’ultima sessione di mercato.

Alla fine l’esame saltò perché la Procura di Perugia stava indagando circa l’effettiva validità dell’esame cui avrebbe dovuto sottoporsi Suarez, sostenendo che i contenuti dello stesso fossero stati concertati prima tra la società bianconera e la commissione esaminatrice. Il seguito è noto a tutti: Suarez è stato acquistato dall’Atletico di Simeone e si è subito integrato nei meccanismi dei colchoneros.

Parallelamente, però, le indagini sulla Juventus sono andate avanti e hanno prodotto nuovi, interessanti, sviluppi.

Notizia di oggi è che il DS bianconero, Fabio Paratici, ha ricevuto un avviso di garanzia dalla Procura della Repubblica per false testimonianze al Pubblico Ministero. Indagati anche i legali della Juventus, gli avvocati Luigi Chiappero e Maria Turco.

Secondo la Procura di Perugia il club bianconero si era attivato sin dai primi giorni di settembre per “Accelerare il riconoscimento della cittadinanza italiana a Luis Suarez”. Ciò ha portato Fabio Paratici a prendere contatti addirittura con Paola De Micheli, sua amica di infanzia e attuale ministra dei trasporti, per avere informazioni necessarie ai fini dell’espletamento della procedura.

La ministra ha confermato, nella deposizione rilasciata in Procura, i contatti con il dirigente juventino ma ha altresì negato il proprio coinvolgimento diretto nella vicenda dell’esame.

La Procura di Perugia, che in questi mesi ha continuato a lavorare sottotraccia per evitare eccessive fughe di notizie, ha disposto la sospensione per 8 mesi dai propri uffici di Giuliana Grego, rettrice dell’Università per stranieri, Simone Olivieri, direttore generale della stessa istituzione, il “tutor” di Suarez, la professoressa Stefania Spina e Lorenzo Rocca, membro della commissione “Celi Immigrati”.

La motivazione addotta dal gip è che i quattro, indagati per rivelazione del segreto d’ufficio finalizzata ad indebito profitto patrimoniale, hanno trattato l’istituzione di cui facevano parte, e che avevano l’obbligo di rappresentare garantendone la piena integrità, alla stregua di un bene privato da gestire a proprio piacimento.

C’è il rischio concreto – scrive il giudice per le inchieste preliminari – che i quattro indagati, se non sottoposti ad idonea cautela, possano tenere condotte delittuose analoghe a quelle per cui si procede”.

Caso Suarez: cosa rischia la Juventus

Ma cosa rischia effettivamente la Juventus? I documenti prodotti dalla Procura di Perugia sono stati acquisiti anche dalla Procura della FIGC, che ora si preoccuperà di accertare l’eventuale responsabilità oggettiva del club. Solo qualora questa venisse acclarata la squadra bianconera verrebbe penalizzata in ambito sportivo. La pena comminata, nel caso, potrebbe corrispondere ad un’ammenda pecuniaria e una penalizzazione in classifica.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus