Caso rimborsi arbitri, prime sanzioni: 13 e 16 mesi di squalifica per La Penna e Pasqua

I due arbitri Pasqua e La Penna sono stati condannati rispettivamente a 16 e 13 mesi di squalifica per i rimborsi spesa gonfiati. Entrambi rischiano ora di essere radiati, secondo quanto sancito dai regolamenti dell’AIA.

Arrivano i primi verdetti nell’ambito dello scandalo rimborsi gonfiati che ha coinvolto la classe arbitrale italiana. I primi soggetti colpiti sono il signor Fabrizio Pasqua, della sezione di Nocera Inferiore, e il signor Federico La Penna, della sezione di Roma 1.

Entrambi, nei mesi scorsi, sono stati cinvolti insieme ai giovani fratelli Manuel ed Ivan Robilotta della sezione di Sala Consilina e ad altri due, sono stati coinvolti in un’inchiesta riguardante l’alterazione delle ricevute relative a tutte le spese effettuate durante le trasferte, così da ottenere maggiori rimborsi.

Ora, il regolamento dell’AIA stabilisce che nessun tesserato possa farvi parte, e dunque arbitrare, se negli ultimi dieci anni ha ricevuto condanne superiori a dodici mesi. Ciò significa che tanto La Penna quanto Pasqua rischiano di essere radiati a vita. I due direttori di gara ricorreranno ora in appello e, in ultima istanza, al Collegio di garanzia del CONI. Se nessuno dei due organi di giustizia dovesse ribaltare la sentenza del primo grado, per i due imputati non ci sarebbe nulla da fare, se non rassegnarsi alla radiazione dall’organico dell’AIA.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus