I caschi Arai non hanno ricevuto l’omologazione FIA 2019. Vettel, Ricciardo, Verstappen e Gasly i piloti coinvolti

I caschi delle marca Arai non avrebbero ancora ricevuto l’omologazione dalla FIA 2019. Oltre a Vettel, ci sono anche Ricciardo, Verstappen e Gasly nella stessa situazione.
Ricciardo fa vedere il disegno sulla parte retrostante il suo casco.
fonte: Facebook Ricciardo

Mentre per altre marche ci sarebbero state dei passi in avanti. La Stilo di Bottas e Stroll avrebbe già ricevuto l’omologazione, così come alcune taglie di Schuberth e Bell.

Siamo al conto alla rovescia per quanto riguarda i test invernali per la stagione 2019. I rischi che diversi piloti non si trovano in regola con i caschi è moto serio. La FIA quest’anno ha introdotto dei regolamenti più stringenti per quanto riguarda la conformazione e la struttura degli elmetti. Tutto queste iniziative sono state rivolte a creare una maggiore sicurezza per i piloti, per proteggere al meglio la parte più esposta.

Le 4 case, Stilo, Bell Racing, Schuberth e Arai, che sono le responsabili per la costruzione dei nuovi caschi, sono state coinvolte nella ricerca e sviluppo dei nuovi standard, ovvero quei requisiti che devono avere per  poter essere considerate utilizzabili dalla FIA.

Tra queste, quella che non ha ancora ottenuto alcuna omologazione è proprio Arai, che fornisce i caschi a quattro piloti, tra cui Vettel, Ricciardo, Verstappen e Gasly.

L’Arai ha comunque fatto sapere che riuscirà ad omologare tutti i caschi prima dell’inizio della nuova stagione, programmata per il 17 Marzo in Australia.  L’unica Casa che per ora è riuscita ad omologare tutti i suoi prodotti è stata la Stilo, che quest’anno fornirà i caschi al pilota della Mercedes Bottas e a quello della Racing Point Lance Stroll.

Schuberth, invece, avrebbe omologato i suoi caschi solamente per la taglia media. Bell, a sua volta, ha omologato il suo prodotto in quattro taglie. Fornirà il suo casco a ben 9 piloti in griglia.

Una situazione ingarbugliata per i piloti, i quali vorrebbero utilizzare un determinato casco, ma potrebbero non avere la propria taglia omologata. Una zona grigia, ricca d’incognite sulle scelte da adottare in futuro.  

 

Lorenzo Carrega

Informazioni sull'autore
Giornalista Pubblicista. Esperienze in ambito giornalistico locale, non solo di sport, ma anche di cultura e tempo libero. La scrittura è la mia passione
Tutti i post di Lorenzo Carrega