Calciomercato Roma: idee Pepê, Mudryk e Tetê

Anche la Roma nella lotta per il brasiliano del Gremio. Fonseca pesca ancora dallo Shakhtar

Spunta un ennesimo, nuovo nome per l’attacco della Roma. Dopo il sogno Diego Costa, e il pallino Tiquinho Soares di Fonseca, sul taccuino del direttore sportivo Gianluca Petrachi è finito un altro nome. Si tratta di Pepê, attaccante del Gremio. L’esterno 23enne è uno dei nomi che più potrebbe scaldare questo mercato (prolungato). Prosegue intanto la pesca di Paulo Fonseca dallo Shaktar. Dopo aver espresso il desiderio di una trattativa per Mudryk (uno dei giovani ucraini più promettenti e lanciato proprio da Fonseca in prima squadra), il tecnico portoghese ha fatto anche il nome di Tetê.

LOTTA – La Roma non è la sola ad aver puntato Pepê. Secondo quanto riporta globesporte.com, sull’omonimo (di pronuncia, non di grafia) dell’esterno dell’Arsenal, ci sono anche Bayern Monaco e Real Valladolid, squadra di cui Ronaldo (il Fenomeno) è maggior azionista. In Olanda, poi, Pepé ha terreno fertile. Ajax, Feyenoord (distaccato) e PSV Eindhoven hanno mostrato interesse. Tra tutte, ivi inclusa la Roma, quella che per ora sembrerebbe aver fatto qualche passo in più delle altre è il PSV, che avrebbe già offerto 15 milioni al Gremio. La società brasiliana è stata però chiarissima da subito: la base d’asta parte da 20. Attenzione però a non sottovalutare il fatto della crisi che si sta vivendo. Molti cartellini, come testimoniano gli studi del CIES, verranno deprezzati. La lotta per Pepé potrebbe così essere ancor di più agguerrita.

DALL’UCRAINA CON FURORE – Da Donetsk fino a Roma. Non è nessuna canzone o rimando a qualcuna di esse, ma semplicemente il tragitto che due giocatori dello Shakhtar potrebbero fare. Oltre a Mudryk, Fonseca chiede ora anche Tetê. Entrambi sono esterni. E giovani. Il primo, uno dei gioielli dello Shakhtar e dell’Ucraina, è un’ala sinistra di estro, forza fisica e dribbling. Stesse caratteristiche per il secondo. A differenza dell’ucraino, il brasiliano gioca sulla corsia di destra, non disdegnando però, in casi di emergenza, la posizione di trequartista.

Mudryk ha aperto ad una realizzazione dell’affare. Nel corso di una diretta Instagram, il 19enne, ha confessato come i rapporti con Fonseca siano ottimi. Alla domanda precisa sulla Roma, si è limitato ad un “ci pensa il mio agente”. Qualcosa si sta muovendo. Tetê, classe ’97, è per ora solamente un desiderio di Fonseca. Qualora dovesse partire uno (o entrambi) tra Perotti (su cui pesa il lauto stipendio non corrisposto dalla certezza in squadra e dalle prestazioni) e Under, l’esterno scuola Gremio potrebbe essere un nuovo innesto giallorosso.